Resta in contatto

Oltre la Lazio

Immobile guida l’Italia in verde alla ricerca del pass per Euro 2020

Italia, la Nazionale sfida la Grecia

All’Olimpico (ore 20.45) per qualificarci in anticipo-record con la maglia che ha diviso l’opinione pubblica. Mancini vuole affidarsi ad Acerbi e Immobile – di Antonello Ferroni

L’incipit solo per metterci una parola definitiva: questa sera all’Olimpico contro la Grecia, l’Italia di Roberto Mancini andrà a caccia del pass per l’Europeo 2020 con tre giornate di anticipo (sarebbe un record).

Lo farà vestendo l’inedita terza maglia color verde, presentata come un omaggio rinascimentale al nostro calcio così come ai giovani lanciati da Mancini. L’errore sta proprio nella comunicazione, visto che si tratta di una mera operazione di marketing.

Questione di verdoni

Perché anche la Federazione ormai ragiona come un club dando la precedenza a logiche esclusivamente commerciali: maglia disegnata e prodotta dalla Puma, sponsor tecnico della Nazionale che versa ogni anno circa 18 milioni di euro nelle casse della Figc e che ha bisogno di muovere il mercato con un prodotto pensato per le giovani generazioni.

Quanto alla Figc, il fatturato di 63 milioni di euro dovrà arrivare a 100 nel triennio 2019-2022, gestendo appunto le sponsorizzazioni in maniera dinamica, anche per reperire le risorse mancanti a causa dei tagli governativi sempre più consistenti al Coni.

Da qui in avanti l’operazione sarà dunque ripetuta spesso e volentieri: aspettiamoci anche altre varianti, con buona pace dei facili detrattori che gridano alla lesa maestà, alla tradizione e al patriottismo offesi e dei milioni di improvvisati commentatori che da questa sera torneranno nella parte dei milioni di improvvisati commissari tecnici.

Mancini con tre dubbi

Riavvolgiamo il nastro. Solo 23 mesi fa eravamo lì, dopo lo 0-0 con la Svezia e l’addio al Mondiale, a chiederci come fosse possibile che una Nazionale come quella italiana potesse essere caduta così in basso.

In 23 mesi il giochista Mancini ha rigenerato gli azzurri (i verdi) rendendoli scintillanti ed efficaci. E stasera, forte dei suoi 18 punti con 6 vittorie in altrettante partite nel girone di qualificazione (e 18 gol all’attivo contro 3 al passivo) ha l’occasione per ufficializzare la qualificazione all’Europeo, mal che vada lo farà martedì in Liechtenstein.

Mancio si è avvicinato a questa sfida con la Grecia con tre soli dubbi nel suo collaudato 4-3-3, uno per reparto in difesa tra il laziale Acerbi e il milanista Romagnoli, a centrocampo tra lo juventino Bernardeschi e l’interista Barella, in attacco tra l’altro biancoceleste Immobile e il torinista Belotti.

E pare proprio averli risolti. Donnarumma in porta, pacchetto difensivo con D’Ambrosio e Spinazzola ai lati, Bonucci e Acerbi al centro; mediana affidata ai due play Jorginho e Verratti più Barella, tridente con Chiesa (caccia al primo gol in verdeazzurro), Immobile e Insigne.

Grecia, stesso torno di verde

Dall’altra parte i greci, cui soltanto nel giugno scorso abbiamo dato un secco 3-0 in mezz’ora con gol di Barella, Insigne e Bonucci, togliendogli ogni velleità di andare a Euro 2020 proprio nel giorno del loro 15º anniversario del trionfo portoghese.

E proprio dallo scorso giugno la Grecia ha dovuto rifondare, privandosi dei senatori Mitroglou, Manolas, Skratis e Samaris. Il nuovo ct John van’t Schip, ex attaccante di Ajax e Genoa, punta sul 4-2-3-1 (ma in fase difensiva è un 4-4-1-1) e – lui sì veramente – sulla linea verde: tra i 25 convocati ci sono ben quattro classe ’98, due ‘97 e due ‘96, tra cui i più interessanti prospetti sono il trequarti Vrousai e il centravanti Pavlidis, pronto ad alternarsi col più esperto Koulouris (Tolosa). Loro vorrebbero fare come noi, ricominciare a vincere dopo il naufragio. Magari dalla prossima.

Le probabili formazioni

Italia (4-3-3)
Donnarumma; D’Ambrosio, Bonucci, Acerbi, Spinazzola; Verratti, Jorginho, Bernardeschi; Chiesa, Immobile, Insigne.
A disposizione Sirigu, Gollini, Izzo, G. Mancini., Romagnoli, Biraghi, Bernardeschi, Tonali, Zaniolo, Cristante, Belotti, El Shaarawy.
Allenatore: R. Mancini.

Grecia (4-4-1-1)
Vlahodimos; Bakakis, Siovas, Lambropoulos, Stafylidis; Mantalos, Zeca, Kourbelis, Donis; Vrousai; Koulouris.
A disposizione: Paschalakis, Dioudis, Koutris, Giannoulis, Hatzidiakos, Galanopoulos, Siopis, Bouchalakis, Fetfatzidis, Bakassetas, Limnios, Pavlidis
Allenatore: van’t Schip

Arbitro: Karasev (Rus)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Oltre la Lazio