Resta in contatto

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Taoui, dribbling e fantasia in attacco

Consigli per gli acquisti

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Taoui, dribbling e fantasia in attacco

Per l’appuntamento settimanale con i talenti del futuro, il nostro Fabrizio “Fabregas” Di Marco ci presenta Adil Taoui, ala sinistra 2001 del Tolosa

Adil Taoui
Ala sinistra
Francia/Algeria
Nato il 10 agosto 2001
Altezza: 179 cm
Club: Tolosa

In nazionale
2016-17 Francia Under 16: 5 presenze/3 gol
2019 Francia Under 18: 2 presenze/1 gol

Caratteristiche tecniche
È  un’ala sinistra di piede destro, in situazioni particolari è stato impiegato anche da punta centrale. Dotato di una notevole progressione palla al piede e di una buona tecnica di base, Taoui è un contropiedista straordinario e in campo aperto può essere letale. Abile nell’uno contro uno, ha sempre la possibilità di superare su entrambi i lati il suo avversario. Uno dei pezzi forti del suo vasto repertorio tecnico è il tiro dalla distanza. Deve migliorare nella fase difensiva ed essere più continuo.

Curiosità
È uno dei giovani più interessanti del panorama calcistico giovanile francese. Negli ultimi due anni è stato monitorato con attenzione da molti top club europei come Juventus, Tottenham e Manchester City: questi ultimi sono arrivati a offrire 4,5 milioni di sterline, ma il giocatore ha deciso di rimanere al Tolosa dove ha un contratto fino al 2021. Nell’estate 2018 è stato frenato da un brutto infortunio, la rottura del crociato, ma il suo club gli ha fatto comunque firmare il suo primo contratto da professionista.

Farebbe comodo alla Lazio perché…
Potrebbe effettuare un’operazione di mercato sullo stile di quella compiuta dall’Inter con Agoumé.

 

Leggi anche:

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Reinier dribbla e tira a ritmo di samba

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Taoui, dribbling e fantasia in attacco […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Consigli per gli acquisti