Resta in contatto

News

Funerali Diabolik, il leader degli ultras Inter: “100 persone? Allucinante”

Morte Diabolik, striscione al Colosseo

Franco Caravita, storico capo ultras della curva nerazzurra, è intervenuto sulla limitazione a cento persone per il funerale di Fabrizio Piscitelli

È di ieri la notizia della svolta sui funerali di Diabolik: la famiglia di Fabrizio Piscitelli e la Questura hanno raggiunto l’accordo per far svolgere le esequie al Divino Amore.

Il paletto è quello del numero chiuso, con massimo un centinaio di persone ammesse alle esequie. Sul punto è intervenuto all’Adnkronos Franco Caravita, storico leader della Curva Nord dell’Inter (gemellata storicamente con quella della Lazio):

“Spero venga messa in risalto l’assurdità di questa cosa. È una cosa vergognosa non solo secondo noi, ma secondo l’opinione pubblica: è allucinante che non si possa essere liberi neanche di andare a un funerale”.

Il capo ultras nerazzurro prosegue:

“Le persone sarebbero convogliate solo per dare un ultimo saluto e non certo per creare problemi, questa è una presa di posizione del questore di Roma. Non la capiamo noi, ma non la capisce nessuno. Le vere motivazioni non esistono, sono solo frutto di immaginazioni di una persona che ha altre mire politiche, vuole fare a tutti i costi un gesto eclatante, secondo noi per farsi dare un grado in più. La sua decisione non serviva, non serve e non servirà”.

 

Leggi anche:

Funerali Diabolik, c’è l’accordo: esequie al Divino Amore a numero chiuso

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] alle ore 15 alla basilica del Divino Amore. Secondo Romatoday, potranno assistere alle esequie un massimo di 100 persone. Lunedì verrà studiato il piano sicurezza dalle forze dell’ordine, le quali temono la […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News