Resta in contatto

Approfondimenti

Welcome back Berisha, 177 giorni dopo: “Felice per il ritorno”

Lazio, Valon Berisha

Berisha si rivede con la maglia della Lazio durante l’amichevole col Paderborn, finita 2 a 4 per i biancocelesti di Simone Inzaghi

Valon Berisha torna a vestire in campo la maglia della Lazio, 177 giorni dopo l’ultima volta. Era il 7 febbraio e all’Olimpico arrivò l’Empoli, prima della doppia (e sfortunata) sfida europea col Siviglia.

Inzaghi durante l’amichevole contro il Paderborn (2 a 4, qui la cronaca dei gol) lo getta nella mischia nel finale, al posto di Milinkovic. Le telecamere inquadrano la faccia del centrocampista kosovaro, visibilmente concentrato ma anche emozionato. Potrebbe essere la fine di un incubo che dura da un anno, perché da quando è arrivato a Roma Berisha non è mai riuscito a trovare continuità.

Su Instagram, Valon ha festeggiato così il rientro:

“Felice e grato per essere tornato in campo, passo dopo passo sto diventando più forte”.

Dallo stop durante il ritiro di Auronzo alla doppia operazione al ginocchio, che gli ha fatto finire anzitempo la stagione. I tanti, troppi infortuni, gli hanno impedito di entrare in condizione e sopratutto nei meccanismi della squadra. Nessuno si aspettava che potesse rientrare già in campo, era sparito dai radar. Invece è tornato, dopo una lunga riabilitazione in patria. Tare ci crede, sa che se sta bene può diventare un elemento importante.

“Sono molto onorato di presentarlo, è un guerriero”

Aveva dichiarato questo alla stampa, il diesse, dodici mesi fa. Nella Capitale tutti se lo ricordano con la maglia del Salisburgo, quando gelò l’Olimpico segnano l’1-1 nei quarti di finale di Europa League nel 2018. La speranza è quella di rivedere quel centrocampista lì, in grado di abbinare qualità e quantità. Corsa, tenacia e tecnica. Dal nulla, se dovesse tornare in fiducia e condizione, Inzaghi potrebbe ritrovarsi nel mazzo un possibile jolly inaspettato. Intanto si gode il momento, cinque mesi dopo è di nuovo in campo con il 7 sulle spalle.

 

Rivivi Paderborn-Lazio:

Paderborn-Lazio 2-4: secondo poker in meno di due giorni

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Approfondimenti