Resta in contatto

News

Lazio, Ripert: “Leiva non grave. Ce la mettiamo tutta per la Champions”

Al termine dell’allenamento mattutino è intervenuto ai microfoni fi Lazio Style Channel il preparatore atletico Ripert: “Vogliamo crescere su tutti i fronti”

Al termine della sessione mattutina di allenamento ai microfoni di Lazio Style Channel è intervenuto il preparatore atletico Fabio Ripert: “Il ritiro è andato molto bene, questa mattina abbiamo disputato la 27ª seduta, i calciatori sono stati sottoposti a carichi importanti, abbiamo effettuato tre sedute aerobiche fuori dal campo, cinque allenamenti incentrati sulla forza e cinque amichevoli. Quest’anno abbiamo aggiunto un test perché la partita è l’allenamento più importante”.

Sull’infortunio di Leiva

“Quello di Leiva non è un infortunio grave, tra una settimana tornerà con la squadra, ieri ha ripreso a correre, sarà con noi al più presto. Questa fase del ritiro è fondamentale per creare la base di lavoro per tutto l’anno. L’importante è portare tutti al massimo livello per esprimersi al meglio”.

Cosa avverrà dopo Auronzo

“Dopo Auronzo, sono in programma tre giorni di riposo, si riprenderà il 31 pomeriggio, poi sono previste due sedute di lavoro a Roma, delle quali una sarà aerobica sul campo. Da questo punto di vista, altre sedute sono in programma in Germania. A livello di forza, punteremo maggiormente sull’esplosività con l’avvicinarsi delle prime partite, poi in vista del 25 agosto lavoreremo secondo la settimana tipo”.

L’importanza di tutti i componenti dello staff

“Il preparatore atletico è una figura di raccordo tra tutti i componenti dello staff, tra tecnico ed equipe sanitaria, tra squadra e mister: c’è una continua interazione con tutti questi settori. Il dialogo è importante, capire il giocatore affinché ci sia la giusta empatia per costruire rapporti e far sì che i calciatori riescano ad adattarsi e far capire le problematiche anche esterne al campo. è fondamentale avere un ruolo psicologico nei confronti della squadra”.

Obiettivi stagionali

“Ce la mettiamo tutta ogni anno per arrivare in Champions: in tre anni, siamo sempre andati meglio della stagione passata. Quest’anno abbiamo vinto la Coppa Italia, ogni anno abbiamo incrementato l’obiettivo e quest’anno vogliamo crescere ancora su tutti i fronti, che sia campionato, Europa League, che è una manifestazione bellissima, e la Coppa Italia, che a noi regala sempre grandi soddisfazioni”.

Sulla Supercoppa

“La Supercoppa si disputerà a dicembre quindi ora pensiamo solo alla prima di campionato, sperando che il calendario in avvio sia migliore dello scorso, preferibilmente senza partire affrontando le prime due della classe, ma noi non abbiamo paura di nessuno e abbiamo dimostrato di poter battere chiunque”.

Leggi anche:

Lazio, Fonte: “Ottimo ritiro. Stiamo aumentando il carico di lavoro”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Lazio, Ripert: “Leiva non grave. Ce la mettiamo tutta per la Champions” […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News