Resta in contatto

News

La Lazio accoglie Radu a braccia aperte: si ricomincia insieme

Radu e Lulic bandiere della Lazio: nessuno più fedele di loro in Serie A

La Lazio si riprende il suo difensore. Dopo il periodo burrascoso torna il sereno tra la società e il giocatore: l’accoglienza ad Auronzo lo dimostra

Undici anni fa iniziava una lunga storia d’amore: Stefan Radu diventava un giocatore della Lazio.

Un difensore classe 1986 proveniente dalla Dinamo Bucarest, nel luglio 2008 indossava per la prima volta la maglia con l’aquila sul petto. Dopo quel giorno quella stessa maglia biancoceleste sarebbe diventata un suo vanto.

Poi una battuta di arresto. Come in ogni favola che si rispetti è arrivato il capitolo nero: il protagonista deve lottare per tenersi la sua amata.

All’improvviso sul finale della scorsa stagione calcistica qualcosa si è incrinato. La storia d’amore all’improvviso ha vacillato e per un bruttissimo e lunghissimo attimo la Lazio e il numero 26 sembravano essere destinati davvero a separarsi.

Ma il bello dei capitoli neri è che poi finiscono. E quando finiscono generalmente arriva un lieto fine. Anzi, il lieto fine:  “e vissero felici e contenti”.

Stefan Radu ha voluto la sua Lazio e oggi la sua Lazio lo ha aspettato ad Auronzo per accoglierlo a braccia aperte.

Oggi si riparte, insieme. Perchè insieme si può fare ancora tanto. Perchè chi è biancoceleste nel cuore lotta, anche quando le speranze si affievoliscono. Perchè solo lottando si raggiungono gli obiettivi.

E Radu, oggi, lo ha dimostrato.

Bentornato a casa!

 

Leggi anche:

Radu, l’agente Materazzi: “Stefan aveva il terrore di perdere la Lazio”

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono felicissima ???????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Evvivaaaaa!!!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ale`??

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News