Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Biava a LSR: “Lazzari colpo dal rendimento sicuro”

Giuseppe Biava

L’ex difensore della Lazio Giuseppe Biava è intervenuto alla radio ufficiale biancoceleste. Secondo lui Lazzari è un gran colpo.

Beppe Biava, alla Lazio dal 2010 al 2014, è stato per quattro stagioni un cardine della difesa biancoceleste. Tra gli eroi del 26 maggio, è sempre stato un beniamino dei tifosi che ne apprezzavano la tempra sul campo. Questa mattina è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 per commentare l’acquisto di Manuel Lazzari. Un gran colpo secondo lui.

“Lazzari è colpo dal rendimento sicuro. È un giovane interessante, che ha fatto bene negli ultimi due anni di A. Bel colpo della Lazio: può essere un ottimo giocatore per il futuro. Non avrà bisogno di ambientamento, perché conosce bene il campionato. Vero è che passando dalla Spal ad una società con ben altre ambizioni potrebbe accusare qualche difficoltà nell’adattarsi all’ambiente. Ma mi sembra un giocatore intelligente, un bravo ragazzo che sa come si lavora e credo che farà bene”.

“A 26 anni, per lui la Lazio è la grande occasione. La sua carriera, per certi versi assomiglia alla mia. Tanta gavetta nelle categorie inferiori e poi l’arrivo in A in età matura. Avrà sicuramente fame per potersi imporre”.

“Nelle categorie inferiori c’è tempo di maturare e crescere. Magari tanti giocatori arrivano in A a 20 anni, ma giocano poco. Nelle categorie inferiori, invece, si può avere più continuità per crescere a livello tecnico e mentale. Arrivare alla Lazio significa avere la grande chance e con l’esperienza che ha fatto, Lazzari può far vedere quanto vale”.

Biava ha sottolineato pià volte come il palcoscenico dell’Olimpico sia ben altra cosa rispetto a reltà più piccole come Ferrara. La Lazio garantisce più visibilità, ma dà anche molte pressioni in più. Secondo l’ex difensore, Lazzari non avrà difficoltà a giocarsi le sue chance. Anche in ottica nazionale, visto che a giugno prossimo ci saranno gli europei. Alla Lazio potrà mettersi in vetrina e fare il salto di qualità.

Calciatore con caratteristiche ideali per la Lazio

“Non essendo straniero avrà molte meno difficoltà. Comunicare da subito con il mister e i compagni nuovi è importante. Da italiano l’inserimento è più immediato. Spesso gli stranieri, soprattutto i sudamericani, sono abituati a lavorare diversamente, sia al livello atletico, sia tattico. Qui in Italia si cura tutto al livello tattico e difensivo, per questo gli stranieri possono fare un po’ fatica. La Lazio, in questo senso, trova un giocatore già pronto”.

“Avere giocatori tecnicamente bravi ma anche veloci, come lui, è un vantaggio importante in campo. La Lazio per il modo in cui gioca, ha bisogno di calciatori con queste caratteristiche. Immobile, Correa, per esempio sono veloci di piede oltre che dotati di una buona tecnica. Poi ci sono anche quelli più lenti, ma ugualmente veloci nel pensiero come Milinkovic, Leiva o Luis Alberto. La rapidità di pensiero consente di vedere la giocata prima”.

Aspettative per il prossimo campionato

“Vedendo il mercato di Juve, Inter e Napoli, penso che i primi tre posti siano blindati. Per il quarto, secondo me Lazio e Atalanta sono più avanti di Milan e Roma. Saranno queste quattro squadre a batterselo. Sarebbe bello vedere una Lazio in Champions League”.

“Le difficoltà di quest’anno sono dovute al rendimento inferiore alle aspettative di alcuni calciatori. Milinkovic e Luis Alberto, ma non solo. Penso comunque che la rosa sarà rinforzata e con l’Atalanta concentrata anche sulla Champions la Lazio potrebbe approfittare di passi falsi”.

 

Leggi anche:

Lazio, CorSport: “Ombre sul futuro di Luis Alberto”

 

Lazio, Gazzetta dello Sport: “Largo ai giovani”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News