Resta in contatto

News

Il pensiero dell’ex Fabio Poli: “Io confermerei Berisha”

L'ex centrocampista della Lazio

In radio ha parlato questo pomeriggio l’ex biancoceleste Fabio Poli. Nelle sue parole il ricordo di Fiorini e l’opinione sul mercato.

Fabio Poli, ex biancoceleste membro del gruppo degli “eroi del -9”, è intervenuto a Lazio Style Radio 89.3 questo pomeriggio. Ha detto la sua sui temi d’attualità in casa Lazio. Mercato compreso.

Prima però ha voluto anche lui spendere qualche parola in ricordo di Giuliano Fiorini. Accodandosi a quanto detto da Fascetti ieri, l’ex centrocamista si è espresso così:

“È sempre un piacere riportare alla memoria quel gol di Fiorini. Era una persona straordinaria e quella rete poteva segnarla solo lui, da grandissimo attaccante. Un ragazzo meraviglioso e legatissimo a questa società e ai tifosi. Le lacrime a fine partita sono un’immagine sempre bella da ricordare”

Sui temi del mercato della Lazio ecco il suo pensiero:

“Per ora i movimenti sono prevalentemente sulle fasce. In generale è importante inserire elementi nuovi per accrescere valore e qualità della rosa. Comunque per me, in questo momento, ci sono troppi giocatori sopravvalutati. Si esprimono di continuo giudizi, che si rivelano affrettati e frettolosi, senza prima avere un’idea oggettiva e realistica”

Non ha dubbi Poli sul valore del centrocampo biancocelsete. E per l’anno prossimo proverebbe a puntare sul riscatto si un uomo in particolare:

“Leiva è un grandissimo calciatore: tatticamente è impeccabile perché molto intelligente. È praticamente impossibile sostituirlo, per questa la squadra è imprescindibile. Berisha è un giocatore che ha fatto molto bene con il Salisburgo, ma con la Lazio quest’anno ha avuto molti problemi. Io ci punterei ancora per la prossima stagione. Merita un’altra occasione, le qualità ce le ha. A me è sempre piaciuto, vedremo cosa deciderà la società”

 

Leggi anche:

Serie A, la griglia degli allenatori della prossima stagione

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News