Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Lazio Hockey su prato in festa: i biancocelesti promossi in A2!

Lazio Hockey su prato maschile

I ragazzi della Lazio Hockey su prato possono esultare: il ritorno in Serie A2 è realtà, le Final Four incoronano i biancocelesti – di Giorgio Bicocchi

Con merito, la Lazio Hockey su Prato maschile è stata promossa – dopo tre anni di assenza – in Serie A2. Un verdetto legittimo perché, dallo scorso novembre in poi, la squadra ha macinato gli avversari, segnando gol a valanga e convincendo per la varietà delle trame offensive e per gli automatismi.

Un girone eliminatorio contraddistinto da gol, vittorie e dal correlato primo posto. Un raggruppamento preliminare ai play-off, in cui la Lazio ha regolato con autorevolezza gli avversari, piombando da favorita alle Final Four dell’Acquacetosa. Sabato e domenica scorsa, ecco la consacrazione. Sei gol ai sardi dell’Uras, sette volte a segno contro il Novara e contro il Grantorto.

Scopriamo i protagonisti di quest’annata trionfale

Insomma, la Lazio Hockey – che vanta nel proprio palmares uno scudetto, quattro Coppe Italia e fortunate partecipazioni a diverse edizioni all’estero della Coppa delle Coppe – si è ripresa la Storia, tornando – con la forza delle prestazioni – in Serie A2.

Un progetto sportivo imperniato sui giovani: a oggi il portiere Anserini è già stato convocato in alcuni stage della Nazionale maggiore di Roberto Da Gay. I gemelli Brocco continuano a stupire, regali in ogni zona del campo. Capitan Garbini orchestra con sagacia la retroguardia, coadiuvato da Braca, altra espressione di un vivaio che mai, nel corso di queste ultime stagioni – nonostante la naturale concorrenza di tanti, qualificati club hockeystici che militano nella Capitale – ha conosciuto crisi di vocazioni. E poi l’annata (strabiliante) ha pure registrato la maturazione del bomber Crema e dei laterali Volponi e Lanting.

Alla nidiata verde, il tecnico-giocatore Luca Angius – strappato la scorsa estate all’Amsicora per un’altra, indovinatissima intuizione del presidente Brocco – ha poi aggiunto il fosforo e l’esperienza dell’egiziano Gamal, dell’italo-argentino Gonzalez – già Campione d’Italia con la Lazio nel 2005 – e, dalla primavera in avanti, dei due olandesi Smeele e Van Meersbergen, che hanno ulteriormente potenziato una squadra già fortissima in ogni reparto.

Una stagione speciale anche per le altre formazioni

La Lazio Hockey, nel complesso, archivia un’annata coi fiocchi: la squadra maschile è ritornata in Serie A, l’Under 18 maschile ha vinto lo scudetto di categoria, solo invece sfiorato dall’Under 21 femminile. Ci è pure mancato poco che le stesse ragazze non acciuffassero le Final Four per la promozione in Serie A, segno tangibile di un movimento in costante ascesa.

Dopo tre anni, la Lazio ha centrato il ritorno in Serie A. Ci siamo ripresi, insomma, la Storia e il nostro pedigree. “Ora giocheremo di sabato”, cantava festante la squadra domenica scorsa all’Acquacetosa. Considerando la bontà dell’organico e possibili, nuovi innesti di esperienza per la massima serie, è sembrata quasi una minaccia per le prossime avversarie, da novembre in avanti.

 

Leggi anche:

Piazza della Libertà, furto ai danni della Lazio Atletica leggera

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile aggancia Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Forza Ciro guidaci verso una conquista importante come Giorgio Chinaglia. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Storie di Polisportiva