Resta in contatto

Storie di Polisportiva

Polisportiva, per la Lazio Rugby e Nuoto è festa salvezza

Polisportiva, Lazio Rugby e Pallanuoto

La Polisportiva festeggia i traguardi importantissimi raggiunti dalle due storiche sezioni: Rugby e Nuoto ottengono la salvezza – di Giorgio Bicocchi

Diciamocelo francamente: nessuno, a inizio aprile, avrebbe scommesso neppure un euro sulla salvezza della Lazio Rugby.

Invece, complici quattro vittorie di fila (tre nella stagione regolare del Top12 e l’ultima nel decisivo spareggio di Padova contro Verona), ecco che quello che tutti consideravano una sorta di miracolo sportivo si è realizzato.

L’impresa della Lazio Rugby

La Lazio Rugby ha battuto sul filo di lana Verona al termine di un match tiratissimo, deciso, quasi sul gong, da un calcio piazzato di Alberto Bonifazi, classe ‘91, romano con un passato a L’Aquila e Mogliano prima di entrare nella storia biancoceleste della palla ovale con una punizione precisa.

Una rincorsa verso la salvezza, che la Lazio aveva iniziato quaranta giorni fa vincendo prima a Firenze, contro i Medicei, poi il derby contro le Fiamme Oro, infine a Padova. La penalizzazione di quattro punti, subita lo scorso febbraio, avrebbe tramortito persino un toro. Squadra immalinconita e ultima in classifica, pure staccata dalle rivali.

Poi la resurrezione, improvvisa e deflagrante. Tre vittorie di fila che hanno consentito al gruppo del coach Daniele Montella di strappare coi denti lo spareggio decisivo. E a Verona, già sorpresa da quel coraggioso rush finale biancoceleste, non è rimasto altro che arrendersi.

Poteva d’altronde una storia umana e sportiva, nata nel 1927, evaporare così, con un’atroce retrocessione? No, anche il destino ha sentenziato che non si poteva.

La Lazio Nuoto ora sogna anche i playoff

E lo scorso weekend ha anche portato in dote un’altra grande notizia. Già, perché la Lazio Nuoto ha matematicamente
conquistato la salvezza nel Campionato di A1. Qui il verdetto non era complicato come per i colleghi del rugby, dal momento che il gruppo di Sebastianutti aveva vissuto gran parte del torneo sempre ben al di sopra delle zone minate.

Poi, dopo il derby di ritorno vinto al fotofinish, un paio di infortuni pesanti e un segmento scivoloso di calendario, avevano generato stop a raffica. La vittoria contro Savona, però, ha regalato la salvezza. Legittima e meritatissima.

Lazio che adesso, a un turno dalla fine della stagione regolare, sesta in graduatoria, sogna pure l’accesso ai play off scudetto. Per realizzare il sogno, pur perdendo sabato prossimo a Brescia, la Lazio si augura un paio di fattibili, contemporanei risultati a favore.

Sarebbe davvero il suggello a una annata che in parecchi profetizzavano scivolosa, ma che invece, ancora una volta, ha
esaltato lo spirito di appartenenza di un gruppo tutto comporta da giocatori romani. E Laziali. Rugby e pallanuoto che restano tra le grandi: sventolano festanti le bandiere di due delle nostre Sezioni più antiche e più romantiche.

 

Leggi anche:

Lazio, lo Stadio Flaminio può diventare il museo della Polisportiva

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Storie di Polisportiva