Resta in contatto

News

Lazio, le parole di Vocalelli: “Al di là della Coppa, la Lazio dovrà cambiare molto”

L'ex direttore del Corriere dello Sport

Il giornalista Alessandro Vocalelli ha parlato in radio della partita di stasera e dei possibili cambiamenti in casa Lazio.

Intervenuto ai microfoni di Radiosei 98.1, Alessandro Vocalelli ha parlato dell’importanza della gara di questa sera:

Questa è una gara molto importante, quando c’è in palio un trofeo è sempre così. Dopo anni si può interrompere La Lazio si gioca molto, non solo l’Europa ma anche il futuro di molti personaggi e probabilmente la solidità della panchina di Inzaghi. Le decisioni andrebbero prese aldilà del risultato della partita. Nella realtà dei fatti però, la vittoria della Coppa indirizzerebbe le emozioni in un certo verso. Ci arrivano bene tutte e due. La Lazio ha dimostrato di aver ritrovato condizione, ha giocatori che stanno bene. Inzaghi ha problemi di abbondanza addirittura. L’Atalanta dal punto di vista dell’entusiasmo e della brillantezza sta dimostrando di avere un passo notevole“.

Il giornalista ha espresso anche un suo giudizio sulla stagione della Lazio. A suo dire a fine anno sarà necessario qualche cambiamento in rosa:

Il campionato della Lazio è stato molto deludente. Doveva lottare per la Champions fino all’ultimo, ma ha buttato questo campionato. Un solo punto con Sassuolo e Chievo in casa è da sbattere la testa al muro. A volte la squadra manca di concentrazione. Di fronte alle grandi motivazioni tira fuori il meglio di sé stessa, ma quando deve gestire o continuare a spingere sull’acceleratore poi si perde. A fine anno qualcosa la Lazio dovrà cambiare. Molti giocatori hanno superato i 30 anni. Bisogna creare nuove motivazioni e l’arrivo di nuovi giocatori può servire da stimolo. Al di là di come andrà questa sera, credo che in estate bisognerà fare grossi cambiamenti nella rosa“.

Secondo Vocalelli stasera la partita sarà molto equilibrata. “La favorita? Non faccio mai zero a zero, ma stavolta credo che sia davvero un cinquanta e cinquanta. Sono due squadre di valore, che tecnicamente si equivalgono. L’Atalanta ha un piccolo vantaggio, perché sa che in Europa ci andrà lo stesso. La lazio però, di fatto, gioca in casa”.

Leggi anche:

La Gazzetta dello Sport racconta “Il bello della Coppa”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News