Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio in finale con Milano nel destino. E c’è una curiosità su Correa

Lazio, Joaquin Correa

La Lazio conquista la finale di Coppa Italia, in una stagione che l’ha vista costruire il suo percorso a Milano. E il Tucu si ripete a un anno di distanza

– di Alessandro Giovagnoni

Milano nel destino. Tra passato e futuro. Passa ancora per il capoluogo lombardo la storia recente della Lazio. Ieri la formazione di Simone Inzaghi è tornata ad affrontare il Milan al San Siro, a undici giorni di distanza dal confronto in campionato vinto dai rossoneri. Nella città, sì, del Diavolo, ma anche dell’Inter.

Nella casa dei rossoneri, che lo scorso anno avevano ottenuto proprio a discapito dei biancocelesti l’accesso in finale di Coppa Italia. E nella tana della formazione nerazzurra, che nella passata stagione aveva strappato alla Lazio la qualificazione in Champions League all’ultima giornata. Se nella vita tutto prima o poi torna, così nel calcio i corsi e i ricorsi storici tessono le trame dei capitoli più avvincenti.

Un percorso costruito passando da San Siro

Nel trionfo di Milano c’è anche questo. Il destino. Proprio contro le due formazioni meneghine, la squadra di Inzaghi ha costruito il suo cammino verso la finale di Coppa Italia. Nei quarti di finale contro l’Inter, i biancocelesti sono riusciti a imporsi ai calci di rigore: il gol di Immobile, la replica di Icardi. Poi la lotteria dei rigori. I protagonisti? Strakosha e
Leiva. Il primo neutralizza due penalty avversari, il secondo – assente nella gara d’andata di campionato persa per 3-0 dai biancocelesti – trasforma il calcio dal dischetto che regala alla Lazio la semifinale della competizione e, di conseguenza, un nuovo biglietto per Milano.

Nel doppio confronto, la compagine biancoceleste prima sfida il Milan all’Olimpico ottenendo un pari a reti bianche, poi fa visita al Diavolo conquistando la finale con il gol di Correa. Lo stesso che, a novembre, aveva messo a segno in extremis la rete dell’1-1 nella prima sfida di campionato.

Anche lo scorso anno Correa…

Piccola curiosità: anche lo scorso anno Correa, in forza al Siviglia, risultò decisivo nella semifinale di ritorno della coppa nazionale spagnola, la Coppa del Re, nella quale la formazione andalusa raggiunse proprio la finale grazie anche a un gol del Tucu. L’argentino che con la Lazio ha espugnato Milano. Ancora una volta in Coppa Italia.

 

Leggi anche:

La Lazio come gli Avengers: vendetta e giustizia a San Siro

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

È una bella abitudine, continua così

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti