Resta in contatto

News

Coppa Italia, quando eliminare il Milan vuol dire alzare il trofeo

Coppa Italia 1998, vinta dalla Lazio

In Coppa Italia, eliminare il Milan ha poi fatto il paio con vincere il trofeo: ripercorriamo tre momenti storici per la Lazio – di Alessandro Crescenzi

La Coppa Italia ha, per i tifosi della Lazio, un significato particolare: è stato il primo trofeo vinto nel lontano 1958, ha segnato momenti storici importanti come la conquista del primo e poi dell’ultimo trofeo dell’era Cragnotti e, nel 2009, il primo trionfo della gestione Lotito.

Negli anni eliminare il Milan nel percorso della competizione ha significato sempre vincere la Coppa: proviamo a rivivere insieme tre precedenti con un finale lieto, dolce, sperando di poter rivivere quest’anno le stesse emozioni.

1) Lazio-Milan 1997/1998: Finale

La Lazio è una squadra rifondata da Cragnotti e nella stagione 97/98 si gioca con le milanesi sia la Coppa Italia che la Coppa Uefa. Con i rossoneri l’andata della finale è una partita a scacchi molto tattica, in cui la Lazio gioca meglio ma viene punita da un gol allo scadere di Weah su un’uscita “avventurosa” di Marchegiani.

Il ritorno si gioca a Roma davanti a un Olimpico stracolmo di Lazialità: c’è la possibilità di alzare di nuovo il trofeo dopo 40 anni. Si ricorda ancora l’urlo assordante “Lazio, Lazio” dello stadio e quella sera si consuma una vera e propria impresa: la Lazio va sotto con una punizione di Albertini dai 30 metri ma riesce, nel secondo tempo, a ribaltare il risultato complessivo con le reti di Jugovic, Gottardi e Nesta che, come nelle favole, diventa eroe di un popolo che vuole sentirsi di nuovo protagonista. Sarà l’inizio di un ciclo vincente fatto di coppe nazionali e titoli europei, con lo scudetto cucino sul petto delle maglie del centenario 24 mesi più tardi.

2) Lazio-Milan 2003/2004: Semifinale

La Lazio allenata da Roberto Mancini gioca da due stagioni un calcio spumeggiante fatto di velocità, classe e spirito di sacrificio. Purtroppo la società versa in condizioni non ottimali e da lì a qualche mese rischierà addirittura il fallimento. Nella semifinale di Coppa Italia, la Lazio affronta i campioni d’Europa del Milan in una doppia sfida dominata e mai in discussione.

L’andata si chiude con un 1-2 bugiardo: i biancocelesti (in maglia bianca e pantaloncini blu) giocano un ottimo primo tempo segnando due gol con Fiore, in apertura, e Couto che insacca dopo una mischia in area rossonera; il Milan è tenuto in vita solo da una zampata di Inzaghi allo scadere del primo tempo. Nel secondo tempo la Lazio controlla il risultato, si chiude soffrendo gli attacchi del Milan ma si garantisce un buon vantaggio nella sfida di ritorno.

All’Olimpico si gioca una sfida senza storia, la Lazio archivia la pratica Milan con 4 gol nel primo tempo giocando un calcio stupendo, annichilendo completamente un avversario inerme davanti alle folate biancocelesti. I gol di Cesar, Liverani e la doppietta di Fiore rendono indimenticabile la serata ai tifosi presenti allo Stadio Olimpico e davanti alla tv: in finale la Lazio riuscirà a superare la Juventus nel doppio confronto e alzerà il trofeo per la quarta volta.

3) Lazio – Milan 2008/2009: ottavi di finale

Dopo quattro anni la Lazio, che si presenta a San Siro a giocare una partita (a eliminazione diretta), è una squadra completamente diversa ricostruita dal presidente Lotito: la squadra è giovane e ha in rosa elementi importanti come Zarate, Pandev e Kolarov. La partita contro i rossoneri non è semplice, la Lazio aveva iniziato la competizione dai turni preliminari (eliminando Benevento e Atalanta), e le cose sembrano precipitare quando Shevchenko, a un quarto d’ora dal termine, segna il gol del vantaggio Milan.

La Lazio non ci sta e prova ad attaccare riuscendo a pareggiare la gara con un rigore trasformato da Mauro Zarate. La partita continua nei supplementari e la Lazio, dopo appena tre minuti, riesce a portarsi in vantaggio con un gran gol di Pandev. Il risultato non cambierà nonostante qualche brivido e la solita sofferenza biancoceleste. La Lazio continuerà la sua cavalcata vincente eliminando Torino e Juventus e trionfando ai rigori contro la Sampdoria.

 

Leggi anche:

Milan-Lazio, il 24 aprile è arrivato: deve essere il giorno del riscatto

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Speriamo… Fingers crossed ?????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

FORZA LAZIO ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Con TE Forza LAZIO SEMPRE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza lazio ????????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza Lazio siamo tutti con voi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Dopo l’ultima partita … dovete fare le scintille ? FORZA LAZIO ? GRAZIE !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza Lazio sempre!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

FORZA GRANDE LAZIO CREDERCI SEMPRE NON MOLLARE MAI

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News