Resta in contatto

Giorgio Chinaglia

Chinaglia, il Re Giorgio che ci prese per mano

Giorgio Chinaglia

“Chinaglia era la Lazio, nel bene e nel male”: inizia così il ricordo di Long John del nostro amico Giovanni Calviello

Giorgio Chinaglia era la Lazio, nel bene e nel male. Ne è stata la copia più fedele. Re Giorgio, colui che dall’Internapoli ci prese per mano portandoci in A fino allo scudetto del ’74.

L’odiato nemico di tre quarti  d’Italia, che lo riempiva di insulti e improperi; ma lui nulla, anzi si gasava ancora di più segnando gol a carrettate sotto lo sguardo paterno del Maestro.

Lui e Riva rifiutarono la Juve, regalando scudetti rimasti nella memoria collettiva; forse per questo gli si perdonò la fuga in America nel ’76 per seguire la moglie, quando eravamo in piena zona retrocessione, e una gestione presidenziale molto carente. O ancora l’ultimo tentativo di scalata alla società.

Per noi è sempre Lui, quello del dito puntato, della gambetta, del ghigno sardonico che seminava anche la Celere. Per noi Giorgio Chinaglia sarà sempre il grido di battaglia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile aggancia Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Giorgio Chinaglia