Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Milinkovic, l’ex Lazio Mauricio è convinto: “È più forte di Pogba”

Milinkovic, Il Tempo: "Lotito blinda il serbo e rifiuta le ultime offerte"

Milinkovic, l’ex difensore biancoceleste Mauricio parla del serbo in Brasile

Milinkovic e i riflettori del mondo puntati addosso. Stasera, il centrocampista della Lazio sarà uno dei protagonisti del  super sfida tra Portogallo e Serbia: alle 20.45, a Lisbona, Sergej se la vedrà faccia a faccia con Cristiano Ronaldo.

Un appuntamento, valido per le qualificazioni agli Europei 2020, che intriga anche i media brasiliani. Tanto che, in vista della gara di stasera, ESPN.com.br ha intervistato l’ex difensore biancoceleste Mauricio proprio su Milinkovic. Queste le dichiarazioni del centrale brasiliano ed ex compagno di squadra del Sergente laziale:

È un grande giocatore. È arrivato alla Lazio a vent’anni e nella prima stagione giocò poco, ma avevamo già intravisto le sue grandi qualità. Con il tempo ha acquisito sempre più consapevolezza. Oggi è uno dei giocatori più ambiti del calcio europeo“.

“È alto, ma…”

“È alto e magari ti aspetti che sia lento, ma non è così. Protegge molto bene il pallone, calcia bene con entrambi i piedi, ha caratteristiche uniche”.

“È più forte di Pogba”

“È uno che fa la differenza e che spesso tenta la giocata. Tutto il mondo lo paragona a Pogba, ma secondo me è a un livello anche superiore rispetto al francese. È uno che segna, che serve assist, è molto intelligente”.

“Ha due riferimenti brasiliani”

“Gli piace molto lo stile di gioco di Neymar e Coutinho. Quando parlavamo di calcio, li nominava sempre. È un ragazzo molto tranquillo, non ama uscire molto. Si allena tanto e non gli piace mai perdere, neanche in allenamento”.

Lazio, scopriamo come è cambiata la musica con i Fab Four in campo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News