Resta in contatto

News

Luan Capanni story: “Sto vivendo un sogno! E vi spiego quel numero 71”

Luan Capanni

Luan Capanni si racconta a Lazio Style Radio 89.3

Di momenti indimenticabili, Luan Capanni ne sta collezionando uno dopo l’altro. Contro il Parma, la sua prima convocazione in Serie A. Sabato scorso, il gol alla sua Primavera nell’amichevole in famiglia, in cui ha fatto la spola tra la Lazio di Simone Inzaghi e quella di Valter Bonacina.

Il giovanissimo attaccante italo-brasiliano – è nato il 20 maggio del 2000 – racconta le sue emozioni a Lazio Style Radio 89.3. Nell’intervista alla radio ufficiale biancoceleste, Luan Capanni ha parlato anche dei suoi idoli calcistici e del motivo per cui ha scelto il 71 come numero di maglia.

“Quando sono arrivato all’Olimpico…”

“È un sogno che si avvera, non mi aspettavo tutto questo in così poco tempo. Quando sono arrivato all’Olimpico è stato emozionante. Io e mio padre abbiamo sentito tante squadre quando siamo arrivati in Italia, ma i tifosi, la storia, la città di Roma mi hanno convinto ad accettare questo progetto. Ringrazio soprattutto Igli Tare”.

“Bello avere qui la mia famiglia”

“Per la mia famiglia è un sogno essere qui. Avere tutti i miei cari qui per me è importante, mi aiutano nei momenti di difficoltà. Devo dire grazie a loro se ora sono arrivato a questo punto, sono contento di renderli orgogliosi”.

Il sogno della Nazionale azzurra

“Se un giorno dovessi indossare la maglia azzurra della Nazionale, per mio padre sarebbe un sogno. Ho tanti parenti italiani, per me sarebbe un onore”.

“Ho scelto il 71…”

“Come numero alla Lazio ho scelto il 71, perché mio padre è nato in quell’anno. So che il 71 è molto importante anche per la Lazio e per i suoi tifosi. Mio padre è un ex calciatore, è un perfezionista e mi sprona a compiere passi sempre più importanti. Questo mi aiuta ad essere un calciatore vero”.

“Roma mi piace molto”

“Quando non mi alleno vado con la mia famiglia a mangiare in centro, conosco il Colosseo e tante altre cose di Roma. Mi piace tanto Roma, è una città bellissima. Si mangia molto bene e con il bel tempo posso andare anche in spiaggia. Quando mi riconoscono per strada sono contento, questa cosa mi sprona a migliorarmi ancora di più”.

“Ritiro estivo?”

“Per il ritiro estivo in prima squadra c’è tempo, devo allenarmi al meglio e lavorare sempre di più facendomi trovare pronto qualora capitasse l’occasione”.

“Zidane, un fenomeno”

“Amo i calciatori brasiliani come Ronaldo o Ronaldinho, ma Zidane era un giocatore troppo forte, un vero e proprio fenomeno. Della prima squadra mi sta impressionando Leiva, è una persona spettacolare che mi ha aiutato tanto ed è molto forte come giocatore. È eccezionale e disponibile”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News