Resta in contatto

News

Lazio-Milan, Gattuso: “Lazio in crisi? Mi viene da ridere”

Panchina Lazio, Gattuso: "La voglia c'è ma un club deve sceglierci"

Il tecnico dei rossoneri ha parlato in conferenza stampa

L’allenatore del Milan Rino Gattuso ha parlato in conferenza stampa dopo il pareggio a reti bianche nella semifinale di andata di Coppa Italia.

La partita con la Lazio ha visto i rossoneri soffrire i ritmi biancocelesti, anche se la difesa è risuscita a reggere l’urto di Immobile e compagni.

A livello qualitativo abbiamo fatto un passo indietro ma difensivamente abbiamo fatto bene, la Lazio è una squadra fisica che ha giocato sui nostri errori. Potevamo sviluppare meglio il gioco negli ultimi trenta metri. Piatek? Non è stato mai servito, abbiamo verticalizzato sempre senza passare per le nostre mezzali. Su questo aspetto abbiamo sbagliato. Abbiamo palleggiato in maniera non corretta ma la Lazio era in salute, sembra che non ti fa male ma bisogna sempre essere attenti. Gli attaccanti sono veloci, possono sempre essere pericolosi. Mi tengo stretto il pareggio, tecnicamente dovevamo fare meglio, ci è venuta a mancare la fase di possesso“.

“Bisogna guardare avanti, pensiamo al Sassuolo. A livello tecnico la squadra non mi è piaciuta, troppi errori, troppe palle lunghe su Piatek. Merito alla Lazio. È in crisi? Mi viene da ridere. Per la qualità che ha è una grande squadra. Ci ha aspettato stasera, poi ripartiva. In difesa siamo stati bravissimi. Quando eravamo davanti abbiamo sbagliato sempre l’ultimo passaggio. Orsato? Stasera faceva continuare molto. La Lazio ha giocato meglio di noi, ma non ricordo tutte queste palle gol. Acerbi è stato bravissimo, tutti i contrasti li ha vinti lui. È il terzo 0-0 con la Lazio in Coppa Italia? Al pubblico non piace, ma bisogna dare i meriti. Noi, io, Simone Inzaghi, studiamo molto per affrontare gli avversari. Sarà un caso questo terzo pareggio. Vedremo tra due mesi.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News