Solo La Lazio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Lazio Women, Goldoni: “Manca poco al mio rientro. Il nostro gruppo è bellissimo, vogliamo la promozione in A”

Lazio Women, Eleonora Goldoni ai microfoni di Katia Serra e Martina Angelini

Eleonora Goldoni, centrocampista della Lazio Women, ha rilasciato una lunga intervista ieri sera, durante la trasmissione “Dimensione Calcio” condotta da Katia Serra e Martina Angelini, in onda sulla Bobo Tv Channel.

Ecco le sue dichiarazioni: “Riguardo al mio infortunio, purtroppo è successo che, in uno stacco di testa, sono atterrata col piede sinistro e ho avuto una frattura al malleolo del piede sinistro. Colpirla di testa mi piace, ma in quell’occasione non sono riuscita a staccare perché mi ha ceduto il piede. C’era il terreno un po’ discostato. Quanto manca al mio rientro? Poco, ho iniziato a correre senza dolore e a toccare anche la palla. A breve tornerò in gruppo, che è bellissimo. Sono arrivata a inizio agosto e l’accoglienza è stata super calorosa. Ho ritrovato delle amiche e tante di loro sono diventate amiche. E’ veramente bello andare in campo così. L’ho notato in queste settimane, averle vicine mi ha aiutato tanto. Campionato? Noi stiamo cercando di pensare partita per partita, non vogliamo e non possiamo perdere punti. La Ternana non molla, quando abbiamo visto il pareggio col Tavagnacco ci siamo rimaste ma abbiamo esultato parecchio. È un campionato avvincente, si giocherà tutto nelle ultime partite. Ogni partita è a sé e può succedere di tutto. A Maggio avremo sia Ternana sia Parma in casa. Occhio al Cesena, un’altra bella squadra. È una sorpresa vederla terza, ma meritatissima. È una squadra tenace e che segna. Cosa ci è mancato contro il Genoa? La nostra rosa è completa in tutti i reparti, chiunque entri è all’altezza per giocare bene. Quella partita abbiamo creato tanto, ma finalizzato poco. Fa innervosire e rammaricare, però ogni tanto deve andare così. La domenica successiva ci siamo riprese quello che diciamo essere nostro. Domenica mi hanno fatto un bel regalo di compleanno. Cesena? Meriti all’allenatore che se metti insieme tante ragazze giovani e riescono a proporre un calcio così pulito e organizzato, significa che c’è un grande lavoro dietro dal punto di vista della coesione. Si vedono i risultati. Mi piace questa situazione di classifica perché ti porta ad arrivare in campo ogni giorno dando il massimo, ogni domenica è una finale e sarà così fino alla fine. Se sentiamo la pressione per raggiungere la promozione in A? Mentirei se dicessi no. La Lazio è un club importante, l’anno scorso è sfuggita la promozione e quest’anno vogliamo salire. Il mister è molto bravo a far passare un messaggio di tranquillità e entusiasmo, affrontando ogni domenica come una finale. Se possiamo giocare insieme io e Colombo? Abbiamo giocato insieme spartendoci il centrocampo a Napoli e anche qui con la Lazio. Quindi perché no. Lei sta avendo un ottimo periodo, sta trovando spazio. A me piacerebbe giocare insieme. Com’è mister Grassadonia? È molto meritocratico, ogni settimana ci studia attentamente e la formazione che mette in campo la domenica è quella che reputa più pronta. È tanto competente, ma la sua caratteristica principale è la sua sensibilità che non è facile trovare. Sensibilità nel capire la ragazza, come recuperala nel momento di difficoltà e come pararle. Ci sta dando tanto. Un’altra delle sue caratteristiche vincenti, non scontenta, è la trasparenza. È estremamente diretto, dice quello che pensa anche se potrebbe fare male. Non vuole ambiguità e che si creino problemi. Qualsiasi situazione la espone e la sia affronta in quel momento senza trascinarla, in tante situazioni difficili ci siamo trovate a risolverle magari scontrandoci però poi trovando chiarezza. Ci dice sempre che scontrandosi ci si conosce veramente, è successo e ha giovato sia alla giocatrice sia al gruppo. Lui ha saputo prenderci da subito e alla fine è sempre coerente. Penso che non gli si possa dire nulla. Chi consiglio alla Nazionale tra le giovani? Giulia Mancuso, anche Ludovica Falloni che purtroppo ha avuto poco spazio. Però Mancuso continua a impressionarmi, ha continuità, tranquillità e capacità tecnico atletica di rilievo. Nella mia carriera non c’è stato un momento preciso, ma lo è ogni giorno quando mi rendo conto che è la mia passione. Ho avuto tanti momenti tosti tra infortuni e situazioni spiacevoli, ma ogni periodo del genere mi faceva rendere conto che era quello che volevo fare. È stato così da sempre. Finché sarà così continuerò a giocare. Obiettivo di vita? Formare una famiglia con dei bambini, è uno dei miei sogni più grandi. Ho tanti progetti in mente, mi piacerebbe restare nel mondo dello sport e anche nel mondo della moda. Ho un progetto per un mio brand. Una cosa che avverrà a breve, inizierò a studiare per diventare preparatrice atletica. Non mi vedo allenatrice, mi vedo o in un ruolo dirigenziale o come preparatrice atletica. Sara Gama? Ho avuto la fortuna di essere sua compagna di squadra in Nazionale e ho sempre apprezzato di lei la grande professionalità e serietà e passione dentro e fuori dal campo. Non è facile essere capitano di una squadra di Club e di Nazionale, è l’immagine del calcio femminile italiano. Ha fatto tanto per noi e per chi giocherà in futuro, è una rappresentanza ottima del nostro sport. Tanto di cappello alla sua carriera e al suo percorso in Nazionale. Io e Rovella due simboli? Siamo andati alle scuole di Roma insieme, un’iniziativa bellissima organizzata dal club. In queste occasioni abbiamo occasione di conoscerci anche con i calciatori della squadra maschile, ogni tanto ci incrociamo nel centro sportivo. Sono particolarmente curiosi, mi è capitato di parlare con loro e facevano una marea di domande. Non sanno come viviamo la giornata, tante volte fanno domande sul campionato e sull’organizzazione degli allenamenti. Qualche volta sono venuti a vedere le partite o comunque sappiamo che dalla foresteria di Formello seguono le gare dal maxi schermo. Il presidente Lotito con i collaboratori lotta tanto per farci sentire come loro, ci vengono a trovare e sono al corrente di risultati e partite. Ci seguono assiduamente. Lavori a Formello per la Lazio Women? Stanno facendo una palazzina con spogliatoi nuovi per noi, staff e magazzinieri. Ci saranno anche tante possibilità per il recupero muscolare. Sarà di alto livello e ci hanno detto che gli spogliatoi saranno bellissimi, come quelli dei ragazzi”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Lazio Women, le parole di Ferrandi nel post gara di Verona, dopo la vittoria appena...
Lazio Women, le parole dell'allenatore biancoceleste nel post gara di Verona, dopo la vittoria appena...
Lazio Women, le parole di Gomes nel post gara di Verona, dopo la vittoria appena...

Dal Network

Closing in vista con Orienta Capital Partners che acquisterà una quota superiore al 60% del...

  Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del...

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

Altre notizie

Solo La Lazio