Solo La Lazio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Avv. Mignogna: “Vicenda scudetto 1915? Surreale…”

Le parole di Mignogna a Radio Olympia

Lazio - Genoa, striscione Scudetto 1915

Le parole dell’avvocato a Radio Olympia:

“La vicenda dello Scudetto 1915 è veramente surreale, più passa il tempo più aumenta la sensazione di aver scoperto il grande buco nero del calcio italiano. All’inizio tutto era nato solo per render giustizia ad una Lazio fatta di grandi uomini e grandi calciatori, che all’apice del campionato furono fermati soltanto dall’insorgenza bellica. Poi però è venuto fuori che il titolo di Campione d’Italia 1914/15 non è mai stato assegnato a nessuno, nemmeno al Genoa, che è stato indebitamente inserito nell’albo d’oro senza uno straccio di delibera attributiva. L’assegnazione è stata falsata all’indomani della Carta di Viareggio e subito dopo la stagione 1926/27. E’ evidente che all’epoca qualcuno sfruttò le esigenze della propaganda confezionando un prodotto apparentemente privo di impresentabilità, ma oltremodo lesivo dei principi olimpici e dei diritti sportivi biancazzurri. Alla Lazio fu fatta pagare la mancata fusione con la Roma? Non ne ho le prove, ma è una delle ipotesi più verosimili sul tavolo. Per oltre un secolo la polvere è stata messa sotto il tappeto, ma nel tempo la verità, quella vera, a mano a mano è venuta fuori, ancorché media e istituzioni facciano finta di ignorarla e il sottoscritto abbia oramai stabilito il record assoluto di censure subite. Il mondo del calcio mi ha profondamente deluso, ma non mi ha minimamente fiaccato. E’ un ambiente pieno di personaggi autoreferenziali, che pensano esclusivamente al loro tornaconto personale. Alcuni li vedi presentare e presenziare eventi e kermesse, dress code e retorica a gogò, ma sono i loro occhi vitrei che ne rivelano la miserrima quintessenza. La disputa attualmente è in una fase d’impasse, come in un tiro alla fune in cui le forze si equivalgono. Nell’altra metà del campo ci sono delle forze oscure, a cui si è aggiunto pure un prevedibile fuoco amico laziale, subdolo e intriso di livore. Questi Grandi Cerimonieri, tuttavia, sanno benissimo che gli assi in mano ce l’ho sempre io e sono tutti assolutamente al sicuro. Per questo continuerò a lottare fino alla fine. Lo farò per tutti i veri laziali, tranne quelli che hanno cercato di inabissare la nave o sono scesi prima pensando erroneamente che stesse per affondare. Per quel che ho maturato in questi anni non credo che il congelamento della questione dipenda da una persona sola, non credo ci sia una sola carica o figura a bloccare il procedimento o a fare ostruzionismo. Il calcio italiano comunque non può permettersi di avere un albo d’oro falsato e quindi prima o poi questa vicenda sarà definita, soprattutto se chi di dovere riflette bene sui documenti che ho in mano. Quando si recuperano le fonti ufficiali forse non si ha più bisogno neppure delle Commissioni per ratificare. Dall’altra parte ormai possiamo dire che ci sono forze oscure, che non necessariamente sono quelle istituzionali ma che spingono affinché la questione dello Scudetto 1915 non venga definita.”

Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Dajessl1900
Dajessl1900
1 mese fa

Con due notori riommerds ai vertici dello sport e del calcio italiani, non sorprende che la pratica si sia impantanata…

Aquila 68
Aquila 68
1 mese fa

Stupisce che un avvocato, che dovrebbe ben conoscere il mondo in cui egli medesimo suo malgrado è costretto a muoversi, si meravigli del contesto melmoso che permea non tanto l’ambiente calcistico ( benvenuto nel club!!) quanto le ” istituzioni’ italiane in genere. Sul fatto che abbiano voluto farci pagare la ” mancata fusione” con i Fusions non abbiamo uno straccio di prova. Diciamo che, più semplicemente, e lo dimostra la scandalosa sentenza del calcioscommesse del 1980, non abbiamo mai contato niente. L’occasione per far valere i nostri diritti l’abbiamo avuta, ma il buon Lotito, lo ricordo come fosse oggi, disse che avevamo aspettato anni e avremmo potuto aspettare ancora “qualche mese”. Sappiamo come è andata a finire. E ora che il suo amico Tavecchio è nel mondo dei più e nella stanza dei bottoni siedono dei Riommers, agitarsi come fa l’avvocato Mignogna serve solo.ad accrescere rabbia e rimpianto.

Ruggero
Ruggero
1 mese fa
Reply to  Aquila 68

Il problema è proprio questo caro amico fraterno Aquila 68 ,per la legittimazione di quello che ci spetta da più di un secolo non c’è guadagno ma se la Società si muovesse si arriverebbe subito alla sentenza,invece a lui non interessa nulla,si muove solo x i soldi,della gloria no,per lui è ininfluente,in più qualcuno gli ha ordinato di non muoversi per quel tipo di battaglia,lui non vuole pestare i piedi a nessuno e continuare a galleggiare tra poco e niente ma con molti profitti,questa è la Lazio che ci meritiamo.

mimi
mimi
1 mese fa
Reply to  Ruggero

Parole sante Ruggero

Fabrix
Fabrix
1 mese fa
Reply to  Ruggero

‘E in più qualcuno gli ha ordinato di nn muoversi’: amen.

Aquila 68
Aquila 68
1 mese fa
Reply to  Ruggero

E chi sarebbe quel “qualcuno” ? Vivendo lontano da Roma faccio fatica a cogliere certe cose.

Articoli correlati

Il legale, che da tempo porta avanti la battaglia per l’ex aequo del 1915, ha...

Dal Network

Closing in vista con Orienta Capital Partners che acquisterà una quota superiore al 60% del...

  Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del...

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

Altre notizie

Solo La Lazio