Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Parolo: “Il Milan la squadra a cui ho segnato più gol in carriera. Quell’anno con Pioli…”

Lazio, Marco Parolo è intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport per parlare di Pioli e del big match del martedì sera.

Ecco le sue dichiarazioni: Come otto anni faDi nuovo, incredibile. Solo che stavolta non ci sono io che segno due gol ai rossoneri. È la squadra a cui ho segnato più gol in carriera: cinque! Il 2014/2015 è stato l’anno in cui ho segnato di più. Quell’anno avevamo Pioli alla Lazio: iniziamo con tre sconfitte nelle prime quattro giornate. Prima della sfida con il Palermo appende la classifica nello spogliatoio e ci dice che non meritavamo una posizione simile. ‘Siete forti, dimostratelo’. Dopo tre giorni andiamo a Palermo e vinciamo 4-0. Segnai anche io. Ne uscirà anche stavolta. È uno che parla con tutti. E poi è bravo ad allenare la tensione con frasi a effetto, giochi, scherzi o citazioni di film. Ha presente ‘Ogni maledetta domenica’, il film con Al Pacino sul football americano? Ecco, una volta Pioli ci ha fatto vedere il famoso discorso riferito alla squadra che lotta per un centimetro. Aveva in mano la squadra, si creò un’alchimia unica. E infatti arrivammo terzi. Quest’anno con una rosa più debole, ha perso Kessie e Romagnoli oltre ai tanti infortunati, ha un punto in meno allo scorso. De Ketelaere? Gli consiglierei di fare come Felipe Anderson, giocare con libertà e spensieratezza. Nel 2014-15 ho vissuto il miglior Felipe mai visto, reduce anche lui da un’annata difficile. Otto anni fa era puro istinto, quand’era in campo pensavi ‘ecco, ora che c’è lui siamo fortissimi’. Ricordo che nel derby del selfie di Totti, finito 2-2 con gol di Felipe, Florenzi mi si avvicinò dopo un calcio d’angolo. ‘Ma questo come si ferma?’, disse. Segnò 10 reti. Era nel contesto giusto, poteva fare qualsiasi cosa. Pioli è un maestro nel dialogo e nei rapporti umani. Valorizzerà De Ketelaere come ha fatto con Tonali, Kalulu e Leao, anche loro esplosi con il tempo. Ecco, magari il mister non è fortunato con le coppe, visto che nel 2015 perdemmo la finale con la Juve per un doppio palo incredibile di Djordjevic…. Lazio? I giocatori si sono innamorati di Sarri a livello tattico. Tutti, quando ci parlo, mi assicurano che Sarri è un maestro. Sono con lui al 100%. Quando ho visto Luis Alberto tornare in difesa ne ho avuto la dimostrazione. E poi ero sicuro che alcuni di loro avrebbero fatto benissimo. Chi? Lazzari, Cataldi e Zaccagni. Quest’ultimo è da Nazionale”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News