Solo La Lazio
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Lazio, serve Luis Alberto tra i titolari, sia col 4-3-3 che con il…

Lazio, la sconfitta di Lecce ha evidenziato per l’ennesima volta i soliti problemi. Per limitarli, non potendoli eliminare, serve uno come Luis Alberto tra i titolari.

La Lazio è andata incontro all’ennesima sconfitta inspiegabile dovuta a cali psicologici immotivati che ormai sono reiterati. Probabilmente ha ragione mister Sarri quando parla di questo problema che potrebbe essere irrisolvibile, se non cambiando diversi giocatori con altri forti nella testa, di carattere e di carisma, oltre che a livello tecnico. Non potendo adottare questa soluzione nell’immediato e in un mese di mercato, quello attuale, il tecnico toscano è chiamato a limitare il più possibile questo problema tramite il bel gioco e il tasso tecnico che hanno a disposizione determinati calciatori biancocelesti. Uno tra questi che, ultimamente, non è più considerato un titolare è Luis Alberto e forse sarebbe un bene che lo ridiventi, insieme a Milinkovic e Vecino. Non è una cosa impensabile perché è possibile farla persino con 2 moduli.

4-3-3 CON L.A. – Con il modulo attuale, questa soluzione è già stata sperimentata in spezzoni di  diverse gare di campionato, in cui Vecino ha giocato all’occorrenza al posto di Cataldi, con Luis Alberto mezz’ala, insieme a Milinkovic. Mister Sarri aveva dichiarato in alcune occasioni che Vecino può fare quel ruolo solo per mezz’ora di gioco. Ripartendo da quel trio di centrocampo, col lavoro in allenamento, si può più che raddoppiare il minutaggio di Vecino in quella posizione, prima che uno tra lui e l’andaluso si ritrovi a dover cedere il posto ad una delle alternative a disposizione.

4-2-3-1 CON L.A. – Un altro modulo, già utilizzato, seppur solo in pochissimi casi, potrebbe permettere a Luis Alberto di giocare come vertice alto, supportato alle spalle da Milinkovic e Vecino, in modo da poter servire meglio, insieme agli esterni d’attacco, Immobile in avanti. In questa maniera il fulcro del gioco biancoceleste passerebbe sulle fasce e dalla trequarti, esentando il centravanti da questo compito, in modo che possa concentrare tutte le sue forze nel fare gol.

COSA FARA’ SARRI? – Ora mister Sarri è davanti a questo bivio per i prossimi mesi. Chiaramente non è una soluzione sperimentabile (il trio Milinkovic-Vecino-Luis Alberto) per la gara in casa contro l’Empoli, ma nella settimana libera che porterà alla trasferta di Reggio Emilia, contro il Sassuolo nel prossimo weekend, si potrà collaudare, adottando il modulo giusto per farli coesistere. Naturalmente Sarri potrebbe anche giungere alla conclusione che questo tipo di soluzione non potrà tamponare i problemi che affliggono la squadra biancoceleste. Tuttavia, se dal mercato di gennaio non dovesse arrivare nulla di nuovo, allora il tecnico toscano dovrà essere costretto almeno a riflettere un momento su come valorizzare al massimo tutti i migliori elementi che ha in rosa, fino a quando non si potrà risolvere questo problema di mentalità alla radice.

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
DajeSSL1900
DajeSSL1900
1 anno fa

Allenatore sopravvalutatissimo che ha UN modulo in croce e gestisce i cambi da schifo (è rimasto a quando ce n’erano 3 e te li tenevi per gli ultimi 10/20 minuti, non ha ancora capito che ora sono 5 e puoi anche cominciare a farne magari uno all’intervallo). Spero se ne vada lui e se ne vada Tare, c’è bisogno di aria nuova…

p.s.
Con i giocatori che abbiamo, se giocassimo in velocità e in verticale secondo me faremmo moooolto meglio…

Last edited 1 anno fa by DajeSSL1900
ANTONIO
ANTONIO
1 anno fa

Finalmente un articolo sensato. O SARRI RIESCE A FAR GIOCARE LUIS ALBERTO O SARRI SE NE VA. NON CI DEVONO ESSERE ALTERNATIVE

Val
Val
1 anno fa

Sono estremamente d’accordo con l’autore di questo articolo, svariare un pochino sul tema tattico sarebbe anche un modo per non dare all’avversario troppi punti di riferimento.

Ormai si sono studiati un po’ tutti le contromisure necessarie per metterci in difficoltà, lo si è visto a Lecce dove si sperava di far finire la benzina all’avversario nella prima fase di gara, invece è avvenuto l’esatto opposto.

Io per Luis Alberto e Cataldi però parlerei più di “co-titolarità”.

Partire dalla panchina per poi giocare nella seconda mezz’ora, o giocare i primi 60’ in base alla situazione che si presenta ed all’avversario che si affronta non dovrebbe essere un dramma, specie per il Mago.

Anche gli esterni d’attacco, dovendo fare un lavoro enorme, dovrebbero essere alternati di più: gli avvicendamenti di Zaccagni e Felipe Anderson con Pedro, Romero e Cancellieri dovrebbero essere fatti ben prima dell’80’ in certe circostanze.

Altro nodo sono i terzini, per i quali non c’è un’alternativa valida a meno di non rimettere Patric a ricoprire anche il ruolo di terzino destro per dare un ricambio a Lazzari. Fascia sinistra abbiamo solo Marusic che è piede destro ed Hysaj che a mio avviso non è un giocatore da squadra che ambisca a posizioni alte di classifica.
Sempre a sinistra ci sarebbe Radu come alternativa, che però abbiam visto essere ormai in pieno viale del tramonto.

Infine la difesa molto alta con il gioco senza palla molto dinamico in determinate occasioni ce lo si può permettere solo per una parte di gara, o addirittura bisogna rinunciarci contro determinati avversari / in determinate condizioni di emergenza (si veda a tal proposito la sconfitta a Torino).

Articoli correlati

Genoa - Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio...
L'esterno biancoceleste, Mattia Zaccagni, ha espresso sui social la sua felicità per aver rinnovato il...
Lazio, il video pubblicato dalla società capitolina che preannuncia la grande celebrazione del primo scudetto...

Dal Network

Closing in vista con Orienta Capital Partners che acquisterà una quota superiore al 60% del...

  Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del...

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

Altre notizie

Solo La Lazio