Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Casa Lazio

Lazio, Lazzari: “A Roma si sta veramente bene. Sono bastati due incontri per il rinnovo”

Lazio, nel giorno del suo 29esimo compleanno, Manuel Lazzari è intervenuto ai microfoni ufficiali della radio biancoceleste.

Ecco le sue dichiarazioni: A Roma si sta veramente bene. Questo è il quarto anno che sono qui in questa città meravigliosa. Ci troviamo bene sia con le persone sia con il resto. Anche con il cibo non ci sono problemi (ride). Come festeggerò? Oggi andrò a Formello per allenarmi e proseguire il programma di recupero dopo l’infortunio. Ormai sono quasi pronto fortunatamente. Il calendario compresso a causa del mondiale è stato probante sia dal punto fisico soprattutto da quello mentale. A gennaio dopo una sosta così lunga sarà difficile per tutti ripartire. Per come lavora Sarri questo secondo ritiro sarà molto importante. Dobbiamo lavorare bene a dicembre per farci trovare pronti a gennaio e proseguire da dove avevamo lasciato. Il ruolo da terzino? Volevo imparare questo ruolo anche per adattarmi allo schema della Nazionale, ma adesso anche lui sta provando la difesa a tre. Mi ha fatto sorridere questa cosa. Sono comunque contento di aver imparato a muovermi bene nella difesa a quattro grazie all’aiuto del mister. Mi sono valorizzato ancora di più e forse mi ha allungato la carriera perché il terzino puro è meno dispendioso rispetto all’esterno a tutto campo. Il rinnovo? Con la Lazio sono bastati due incontri per il rinnovo. Questo mi riempie d’orgoglio. Ringrazio la società per la stima e sono contento di poter lottare ancora per questa maglia. È bello il rapporto reciproco che si è creato. Quando ci si trova bene in una società si cerca sempre di migliorare lì senza guardarsi più troppo intorno. Quanto ti intendi coi compagni? Con Felipe Anderson e Milinkovic, ci capiamo al volo: è bello giocare con loro. Sono giocatori fortissimi e completi. Felipe nonostante sia offensivo viene spesso a dare una mano in difesa. Mondiale? Sto seguendo le partite di Sergio e Matias. Credo sia un mondiale equilibrato ma Brasile e Francia a mio avviso hanno qualcosa in più. C’è tanto rammarico per l’Italia ma sono convinto che riemergerà. Luka Romero? Sappiamo quanto è forte e quanto può ancora crescere. Tra qualche anno sarà un giocatore fortissimo. Deve continuare a lavorare così e si toglierà belle soddisfazioni. La Lazio ha un gran talento tra le mani”. 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "60anni,ancora problemi di vita da risolvere ma ogni volta che torno ai tempi di Beppe Signori mi commuovo e la testa si riempie di ricordi strepitosi..."

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Casa Lazio