Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Rivista Undici: “Un gioco sempre uguale a sé stesso, dov’è finito Sarri l’innovatore?”

Critiche al gioco della Lazio e agli atteggiamenti di Sarri su Rivista Undici. Dubbi sulle capacità di trasformare la squadra che fu di Inzaghi.

Nervosismo, comportamenti provocatori e nessuna vera innovazione nel gioco. Queste le critiche rivolte a Sarri in un articolo pubblicato oggi dal sito rivistaundici.com. Nel pezzo vengono posti dubbi sulla reale validità della rivoluzione tattica imposta dal tecnico e lo si accusa di essere incapace di andare oltre le proprie convinzioni.

“Il problema non è il sarrismo, presto invecchiato e superato come tutti gli -ismi che tentano di “fissare” concetti e pratiche in un mondo – quello del pallone, ma non solo – in cui concetti e pratiche cambiano con una velocità senza precedenti. Il problema è Maurizio Sarri e la sua capacità di andare oltre se stesso, oltre la sua portata rivoluzionaria, oltre la sua influenza filosofica”

Più avanti nell’articolo, l’autore pone l’accento sull’ancora troppo evidente – a suo dire – influenza inzaghiana sulla squadra: “L’influenza di Simone Inzaghi su questa squadra, l’impronta lasciata in quegli anni, è ancora evidente in quella tendenza – quasi tensione – al contropiede: metà della migliore partita giocata dalla Lazio in questa stagione, quella vinta per 3-1 in casa contro l’Inter, è stata vinta assecondando, anzi accettando quella tendenza-tensione“. E poi ancora, si parla di una difficoltà nel trasformare Milinkovic in un centrocampista box-to-box e di altri equivoci tattici come quello di “aggiungere al repertorio di Immobile tocchi e linee di movimento da centravanti di manovra“.

Un paragrafo è poi dedicato ai comportamenti lamentosi e nervosi davanti ai microfoni, che spesso – si legge – appaiono retorici e e provinciali. Più che un focus su alcuni aspetti e difetti, il testo sembra quasi voler addurre dei veri capi d’accusa verso l’allenatore della Lazio, reo di non aver ancora affatto convinto, con le proprie idee e i con i fatti, una fetta significativa di osservatori, opinionisti e narratori.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News