Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Bianchessi: “I club preferiscono accontentare gli amici agenti…”

Lazio, il direttore del settore giovanile – ai microfoni di Tuttomercatoweb.com – ha rilasciato una lunga intervista su tanti temi, a partire dalla necessità di puntare sui giovani italiani

Di seguito, ecco gli estratti principali delle parole di Mauro Bianchessi:

Direttore, che stagione si aspetta? L’anno scorso fu molto positivo, con qualche rammarico finale…
”Mi ricordo che nel luglio 2017 abbiamo iniziato alla Lazio senza nessuna squadra qualificata ai play off e con 3 giocatori convocati in Nazionale. Poi penso alla scorsa estate dove ero arrabbiato per essere arrivati solo nei primi 8 d’Italia dopo aver vinto anche un girone, under 16 Nazionale, e con ben 23 giocatori convocati in nazionale. Di strada ne è stata fatta tanta sia a livello tecnico che organizzativo che strutturale. Quest’anno è il completamento di 6 anni di lavoro alla Lazio, partendo dalla costruzione manageriale di un settore giovanile moderno, efficiente e solido ma spendendo solo 2.5 milioni per tutto quanto. Per capirci la Roma ne spende 10 e la Salernitana ne spende 4.5”.

Lei ha avuto sempre un occhio di riguardo per i calciatori Italiani ma ormai in Italia anche negli allievi, per non parlare della Primavera, ci sono squadre composte da molti giocatori provenienti dall’estero. Perché?
”Di ragazzi italiani bravi ce ne sono. Il problema è che si perdono perché non esistono regole in Italia che obbligano le Primavere e soprattutto le prime squadre a schierarli. Se non li fai giocare con i grandi mi creda, si perdono. Per un club è molto più facile andare a prenderli all’estero, si rischia di meno, si accontenta l’amico procuratore. La verità è che il calcio mercato è dominato dagli agenti a cui conviene fare affari con l’estero portando giocatori a parametro. Serve un modello vero, federale, fatto per tutelare i calciatori nostrani, altrimenti i mondiali li vediamo per la terza volta ancora in televisione. Il 67% di giocatori della Serie A è straniero, per non parlare delle Primavere. Io faccio esattamente l’opposto. Prendo ragazzini di 12-13 anni e li cresco, con un metodo e un lavoro particolare nella speranza che qualcuno di questi possa arrivare in prima squadra. Ad oggi ne ho 24 che sono nelle rose di squadre di Serie A e 32 nelle rose di squadre della Serie B. Fino all’under 18 della Lazio, di mia competenza, non ci sono giocatori provenienti da federazione estere”.

Com’è il suo rapporto con Fabiani? È stata una novità dell’estate…
”Angelo è il ds responsabile della Primavera e della Lazio Women. E’ una persona simpatica, abile e intelligente che conosce il mondo del calcio come casa sua. Pur avendo sempre fatto con successo prime squadre, lo vedo molto presente e concentrato sia sulla primavera che deve centrare l’obbiettivo di vincere il campionato che sulla prima squadra femminile. Ha ovviamente la mia piena disponibilità come tra l’altro l’aveva Tare. Poi c’è Enrico Lotito, direttore generale che ha portato energia nuova, idee ed entusiasmo. Ha una grande passione e amore per la Lazio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News