Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Feyenoord, Slot: “Lazio la più forte ma vogliamo vincere. La Roma in finale perdeva tempo…”

Europa League logo

Tempo di Europa League per il Feyenoord che domani debutterà a Roma contro la Lazio.

Molti i temi toccati dal mister olandese che ha analizzato in conferenza stampa i temi della partita.

Le sue parole.


Che partita si aspetta?

“Noi siamo molto più giovani ma ho buone sensazioni. La Lazio è arrivata sopra la Roma e mi aspetto due squadre che giocano per vincere. Lazio è la più forte del girone, almeno sulla carta, ma potrò dirlo solamente dopo aver incontrato tutte le squadre”.

Giocare senza tifosi?
“I tifosi aiutano e danno energia. Però ci sono delle regole in Europa, è un gran peccato”.

I compiti di Kocku come capitano?
“Sta un po’ più con me, è giovane, non ci parlo solo io, l’aiuto è sempre importante”.

Sono passati 105 giorni dopo la sconfitta a Tirana contro la Roma?
“Un nuovo libro, tutto da scrivere. Non si legge il vecchio libro, dobbiamo organizzarci per iniziarne uno nuovo. È molto speciale entrare in campo e vedere Lazio e Roma. A destra c’è il passato, a sinistra il futuro. Il mister della Lazio giocherà per vincere, e anche io lo farò. Sarà una sfida molto interessante”

Lazio più offensiva rispetto alla Roma?
“Non è una squadra tipica italiana, anche l’anno scorso abbiamo dovuto imparare diverse cose. Abbiamo visto che una squadra italiana si buttava sempre per terra e perdeva tempo. Se pressiamo alti ci sarà spazio dietro le nostre linee, contro la Sampdoria ho visto un gran gol, molto veloce. La nostra pressione dev’essere importate, non dobbiamo lasciare questi spazi. Danilo deve ancora migliorare, genera gol. Ci aiuta anche nel nostro gioco, è un elemento importante. Roma e Lazio hanno un’identità forte, se è meglio o peggio lo dirò solamente domani”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News