Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazio, Sarri: “Mou? Lo ringrazio per la fiducia, ma per loro il 2° posto sarebbe un fallimento”

Lazio, le parole di Sarri in conferenza stampa pre gara alla vigilia della prima di campionato contro il Bologna. Una risposta anche alla provocazione di Mourinho.

Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa per parlare della prima partita di campionato che, la Lazio giocherà domani all’Olimpico contro il Bologna. Il tecnico toscano ha avuto modo anche di rispondere alle parole provocatorie di Mourinho sui biancocelesti.

Domani si inizia, che Lazio vuole vedere?
“La partita d’esordio è sempre difficile e delicata. Il cambiamento tra la modalità partita e partite vere non è automatico, inoltre gli avversari ci hanno sempre creato difficoltà. Speriamo di vedere una Lazio che chiaramente non può essere al top, ma di vederla su livelli accettabili”.

A che punto siete dopo un mese di ritiro?
“Stiamo facendo più fatica di quello che avevamo previsto nello scaricare i carichi di lavoro. Molto probabilmente il terreno che abbiamo trovato all’inizio non ci ha aiutato, c’era tanta sabbia e i carichi erano più pesanti. In questi ultimi giorni siamo più brillanti, speriamo di essere pronti”.

Il calendario folle:
“La stagione è più folle del previsto, già pensare di giocare domani alle 18.30. Dopo il lockdown erano alle 20,45… è già un’incongruenza. In Italia si sta facendo di tutto per non vendere il nostro prodotto”.

Aveva detto che anche il secondo anno poteva essere di nuovo un anno zero…
“Noi avevamo una delle rose più vecchie d’Europa, c’era questa necessità. Questo inevitabilmente ti comporta di dover iniziare di nuovo un percorso. È la base dello scorso anno, ma il percorso inizia ora.”

Alcuni giocatori hanno parlato di Champions…
“Abbiamo ringiovanito la squadra, dobbiamo essere competitivi come il ciclo scorso. Nessuno di noi penso possa sapere il nostro potenziale: secondo me lo abbiamo a patto che diventiamo una squadra vera. Se riusciamo a creare questo tipo di mentalità forse riusciremo a fare qualcosa di importante”.

Quanto le garba la squadra?
“Mi piace, abbiamo fatto qualcosa di logico, che rientra nelle dimensioni della nostra società. Non possiamo comprare giocatori top in giro per l’Europa, dobbiamo trovare percorsi alternativi. Poi sarà il campo a dire se lo abbiamo fatto bene, ma mi piace che la società ha preso una strada logica per garantire un futuro tecnico alla squadra e una solidità alla società”.

Chi sarà il portiere domani sera?
“Non ho deciso. Maximiano sta lavorando con noi da più tempo, Provedel si è inserito molto bene. Entrambi durante la stagione troveranno spazio”.

Lotito l’ha accontentato sul mercato, sente pressione?
“No, ho fatto richieste in base alle esigenze della società. Non ho responsabilità. Noi non abbiamo speso, abbiamo investito. Se c’è qualcuno che ha speso sono loro. Ringrazio Josè per la fiducia, spero di accontentarlo, e proprio perché ho fiducia ti dico che il secondo posto della Roma è una delusione”.

Come sta Luis Alberto?
“È stato male per davvero, c’è un referto medico. Negli ultimi tre o quattro giorni, da quando si sente meglio fisicamente, l’ho sentito molto partecipe”.

Sente la necessità di un terzino sinistro?
“Un sinistro naturale ci garantirebbe più spinta e più costruzione dal basso. Vediamo la situazione come evolve, però abbiamo fatto un anno con un destro a sinistra e ne possiamo fare un altro”.

I tifosi hanno risposto presente:
“Sono contento, spero di ripagare la loro fiducia”.

Questa squadra può supportare un trio Milinkovic, Marcos Antonio e Luis Alberto?
“Boh, solo il campo lo dirà. M. Antonio ha caratteristiche diverse, l’impatto fisico non è lo stesso, ma è un grande pensatore e ha grande qualità. Lo dovremo valutare sulla nostra pelle a costo di rimetterci qualcosa”.

Su Milinkovic:
“Lo vedo come agosto scorso, mi fa stare tranquillo. Uno con la sua struttura fisica è normale che ci metta più tempo a entrare in condizione. Per le prime partite saremo noi ad aiutare lui, poi sarà il contrario.”

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News