Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Provedel, il portiere con la Lazio nel destino

Ivan Provedel da pochi giorni è diventato un nuovo calciatore della Lazio.

Una trattativa ricca di colpi di scena, ma che alla fine si è conclusa per il meglio. Le teorie sulla felicità sono molteplici: chi come Paolo Crepet sostiene che per certi treni – e quello chiamato Lazio è ad alta velocità – bisogna andare in stazione, perché non entrano a casa. Spiegare questo concetto al nuovo portiere della Lazio può sembrare banale, visto la voglia che il ragazzo ha sempre espresso – anche pubblicamente – nel voler arrivare nella Capitale alla corte di Sarri.

C’è chi come Luciano De Crescenzo affermava che “Il tempo è un’emozione, ed è una grandezza bidimensionale che puoi vivere o in lunghezza o in larghezza, ma viverlo in larghezza regala molte più soddisfazioni”. Cosa che Provedel ha sempre fatto nella sua vita calcistica – e non solo – visto che da attaccante si è specializzato tra i pali, cambiando radicalmente la sua carriera.

A poche ore dalla prima partita di campionato con la Lazio, anche un “freddo” come lui proverà un po’ di emozione respirando un’atmosfera insolita e con tanta gente sugli spalti. La Lazio lo ha voluto, Sarri lo ha aspettato, Provedel è pronto a non deludere la fiducia di una società importante e di una piazza esigente. Ogni cosa ha il suo tempo, senza fretta e senza bruciare troppo le tappe. Tempo che il portiere si è conquistato a suon di gavetta, tempo che è galantuomo, tempo che da un po’ di giorni si chiama Lazio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Approfondimenti