Resta in contatto

News

Lazio, Martusciello: “Apprezziamo la crescita individuale dei singoli e siamo soddisfatti dei nuovi arrivati”

Dopo l’allenamento di stamattina il vice di Sarri, Giovanni Martusciello si è fermato a parlare ai microfoni di Lazio Style.

Giovanni Martusciello, allenatore in seconda della Lazio, tira le somme di questo ritiro ad Auronzo. Per il vice di Sarri ci sono ancora dei dettagli da migliorare, ma il lavoro della squadra è stato comunque più che soddisfacente. Anche i nuovi hanno ben impattato. Queste le sue parole ai microfoni dei media ufficiali biancocelesti, riportate anche sul sito del club:

Il bilancio di questo ritiro è positivo in termine di fatiche e risposte avute dal punto di vista fisico e tattico. Molti ragazzi, presenti lo scorso anno, hanno trovato subito grandi vantaggi. Ora chiudiamo bene l’ultima amichevole e poi penseremo al campionato che sta per arrivare. Le differenze rispetto allo scorso campionato sono enormi, soprattutto perché noi conosciamo la squadra e quest’ultima conosce noi, non c’è più distanza. Le differenze sono positive ed evidenti. Ad oggi, posso dire che i ragazzi hanno acquisito le nostre idee: poi sarà il campo a confermarlo o meno.

I nuovi ovviamente sono un po’ più indietro rispetto agli altri ma con la voglia e l’aiuto di quelli che già sanno, sono molto avanti. La metodologia di lavoro è simile a quello dello scorso ritiro, per far apprendere i nuovi e far consolidare i vecchi. Sono soddisfatto dei nuovi, hanno la fortuna di essere entrati in un gruppo per bene, sono stati accolti a braccia aperte. Siamo contenti di questa prima parte di ritiro. Oggi c’è molta più cultura di lavoro rispetto ai miei tempi, tutta la squadra si è presentata in buone condizioni fisiche.

C’è da velocizzare alcuni aspetti di apprendimento, vediamo in queste tre settimane se riusciamo ad arrivare ad una conoscenza generale delle cose sulle quali abbiamo lavorato. Ci aspetta un campionato anomalo, cercheremo di fare le cose nel migliore dei modi. Ci saranno tanti impegni ravvicinati, quindi bisogna prepararsi bene e fare le cose che si stanno provando adesso. Bisognerà partire forte, nonostante alcuni orari delle partite non aiutino. Speriamo anche di chiudere al primo posto il girone di Europa League, che porterebbe vantaggi anche in campionato. Si punta sempre a vincere ogni partita, poi ovviamente è il campo a dire la propria.

Apprezziamo la crescita individuale dei calciatori: sono tutti ragazzi giovani che hanno l’età dalla loro e possono sempre migliorare. Fino a quando vengono dubbi su chi scegliere, è un bene. Importante anche il recupero, che è determinante. C’è da tener presente questo aspetto, anche per quanto riguarda le temperature. Non si lascia nulla al caso, sono tutte cose fondamentali anche per la prevenzione. Ci sono i mezzi per aiutare e cerchiamo di usarli al meglio.

Se in campo sei organizzato, tutta la squadra fa meno fatica. Lo scorso anno era difficile poter pensare di essere continui tutto il campionato, dopo aver cambiato tutto rispetto alla precedente guida tecnica. L’obiettivo è solo la partita contro il Bologna, sarà la stagione a dire se potremo migliorarci rispetto all’ultima annata. Si punta sempre a fare meglio ovviamente, sarebbe straordinario farlo. Tante squadre si sono rinforzate, è un campionato che offre la possibilità a qualche sorpresa. Ragioneremo partita per partita“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News