Resta in contatto

Rubriche

Juve – Lazio, #diamoinumeri: dominio dei biancocelesti all’Allianz Stadium

Guardando i numeri della partita di ieri, il 2-2 finale sta stretto alla Lazio che ha dominato il gioco all’Allianz Stadium.

Di Daniele Caroleo

Serviva un punto per conquistare l’Europa (per il 6° anno consecutivo), e così è stato. All’ultimo istante, all’ultimo respiro. Quando ormai sembrava impossibile, dopo un primo tempo con il freno a mano tirato ed una seconda frazione di gioco ad inseguire l’improbabile rimonta, con ben 2 reti di svantaggio.

Una partita, però, statistiche alla mano, sostanzialmente dominata dalla Lazio, che termina il match con il 68% di possesso palla e con 18 tiri complessivi (contro gli appena 4 della Juventus) verso la porta difesa da Mattia Perin (autore anche di 8 parate). L’accuratezza dei passaggi della formazione biancoceleste è stata del 91%, con ben 532 appoggi a propri compagni riusciti (quasi il doppio rispetto agli avversari, che chiudono con 297 passaggi riusciti), dei quali ben 155 effettuati nella trequarti bianconera.

La Lazio, dunque, pareggia 2 a 2 contro la Juventus e consolida la quinta posizione in classifica (con 63 punti), centrando la partecipazione alla prossima Europa League con una giornata di anticipo, approfittando anche degli scivoloni delle dirette concorrenti. Se sabato dovesse vincere anche contro l’Hellas Verona, terminerebbe la competizione con appena 2 punti di differenza rispetto all’ultima Lazio di Simone Inzaghi, ma migliorando comunque la propria posizione in classifica (la stagione scorsa i biancocelesti chiusero al 6° posto a quota 68 punti): niente male per quello che sappiamo perfettamente doveva essere un anno di transizione, con la squadra ancora da definire e con una difesa da registrare (oggettivamente troppe le 55 reti subite in 37 partite).

La Lazio si conferma, inoltre, il secondo miglior attacco del torneo, con 74 reti messe a segno (dietro l’Inter, a quota 81) e la seconda miglior squadra per numero di assist forniti (47, anche in questo caso dietro l’Inter con 55). La squadra di Maurizio Sarri è, inoltre, indiscutibilmente la formazione che percorre più chilometri in Serie A (112.396 di media, con Milinkovic che è secondo solo a Brozovic nella graduatoria individuale, con una media di 11.659 a partita) e quella con il più alto possesso palla (29’59 di media a partita).

Il protagonista assoluto del match, ed autore della rete del definitivo 2 a 2 in pieno recupero, è stato senza dubbio Sergej Milinkovic-Savic, che con questo gol sale a quota 11 in questo campionato (proprio come gli assist serviti ai compagni di squadra, seppur la Lega Serie A si ostini a contarne solo 10), ad una sola rete dal suo record personale nel torneo (12, nella stagione 2017/2018), mentre sono 58 le marcature messe a segno complessivamente da quando, nel 2015, è approdato alla Lazio (48 solo in campionato).

Menzione particolare, infine, per Danilo Cataldi, primatista, in questa sfida, per tiri in porta (2), occasioni da gol (4), passaggi chiave (4) e recuperi (10), rispetto a qualsiasi altro giocatore impegnato sul rettangolo di gioco.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Rubriche