Resta in contatto

News

Lazio – Sampdoria, Sarri: “Bella vittoria. Arrivare sopra la Roma? Mentalità provinciale…”

Lazio – Sampdoria, le parole di Maurizio Sarri nel post gara.

Dopo aver ottenuto una vittoria preziosa in chiave Europa, Maurizio Sarri è intervenuto nel post gara di Sky. Ecco le sue dichiarazioni: “Abbiamo fatto un’ottima partita contro una squadra che si è ritrovata e che non era semplice da affrontare. Negli ultimi minuti potevamo gestire meglio la gara, ma va bene così. Luis Alberto? Con lui ho un rapporto normale. Ogni tanto qualche discussione ci sta. L’ultima partita ha solo riposato un po’ e oggi ha giocato carico. Ma stasera sono contento di tutti i centrocampisti. Penso che, giocare ogni 3 giorni, sia stato difficile per noi. Da quando non lo facciamo più, la squadra ha una media da Champions. Arrivare sopra la Roma? Penso che la città di Roma meriti di avere 2 grandi squadre e che non serva questa mentalità da provinciale. E’ chiaro che qui il derby è qualcosa di particolare, ma dobbiamo avere una mentalità migliore. Difesa? E’ chiaro che quest’anno non è andato benissimo, ma è la fase difensiva che non è andata bene. Nell’ultima gara abbiamo preso 3 gol in maniera strana: 2 su calcio piazzato e l’altro glielo abbiamo regalato. Tuttavia sono contento dei miglioramenti fatti in questo girone di ritorno. Juventus? Allo Stadium non mi aspetto nulla, vogliamo solo 3 punti e penso solo ad arrivare in Europa, come tutta la mia squadra”.

“La Lazio ha fatto una buona partita. Abbiamo trovato la quadratura in campo. Dovevamo solo gestire meglio il finale. Siamo una squadra che domina in campo: 65% di possesso palla. Non siamo come il mio vecchio Napoli, ma siamo comunque il secondo attacco del campionato. Difesa? Se riusciamo a diventare solidi, sicuramente faremo più punti. Peccato non esserlo stati in questa stagione, però sono contento dei miglioramenti fatti nel girone di ritorno e questo mi fa essere ottimista per il futuro. Lazzari? Lui ha iniziato a migliorare quando ha finalmente capito che può giocare da terzino.

Il mister è poi intervenuto a Lazio Style:

“Le ultime due/tre partite della squadra dimostrano che per vincere serve giocare ad alto livello. Lo abbiamo fatto, la prestazione è stata seria e abbiamo vinto meritando. Luis ha fatto un gol davvero tanta roba, lucidità mentale e qualità tecnica altissima. Hanno fatto tutti una buona partita, dispendiosa dei centrocampisti, voglio giocatori che mi fanno 70 minuti da grande giocatore che 90 da giocatore normale. Vedendo la Samp nelle ultime partite, hanno fatto molta densità, l’idea di Cataldi era per avere più palleggio, con a turno Milinkovic e Luis Alberto fra le linee, cosa che hanno fatto benissimo. Patric ha quasi tutte le caratteristiche tecniche del difensore: velocità, tecnica, aggressività, ha difficoltà a mantenere la concentrazione sui 90 minuti. Ci stiamo lavorando, lui se n’è reso conto ed è importante. La coppa Italia è difficile da spiegare se sarà positiva o negativa per la Juve, l’importante è che ci arriviamo belli tosti e pronti noi, c’è ancora strada da fare per l’Europa. È sempre difficile dire come risolvere certe dinamiche. Io sono dell’idea che la squadra deve prendere coscienza degli errori che fa, questo è già un passo. Nelle ultime due non abbiamo sbagliato l’approccio nella ripresa. Ciro? Ha avuto una distorsione alla caviglia, abbiamo cercato di rimediare all’intervallo e ci siamo quasi riusciti ma va ringraziato per quello che fa. Quando il pubblico è così, è tanta roba, li ringrazio e spero continui così.”

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News