Resta in contatto

News

Lazio, Minala a CM: “Frenato dalla storia dell’età. In biancoceleste meno possibilità di altri; deluso da Inzaghi”

Lazio - Cremonese, Joseph Minala

Lazio, le parole dell’ex centravanti biancoceleste Minala

Un paio di anni fa in casa Lazio il nome di Joseph Minala era accostato ad un calciatore molto promettente, capace di grandi cose con la Primavera e pronto per il salto, dopo un po’ però iniziò un brutto capitolo che lo vedeva protagonista. L’attaccante classe ’96 fu accusato, con tanto di inchiesta ufficiale della FIGC, di avere più anni di quanto dichiarasse; poi tutto archiviato. Minala oggi è alla Lucchese e si è raccontato in esclusiva a Calciomercato.com, affrontando tanti temi:

ETA’ – “Ricordo che la gente mi prendeva in giro, non sono stato tutelato da chi di dovere e da chi mi era vicino. Io mi sono sempre messo a disposizione della Federazione perché non avevo nulla da nascondere. Ero piccolo e non potevo nemmeno immaginare la risonanza mediatica che questa storia avrebbe potuto avere. Sono sicuro che tutta questa vicenda abbia frenato la mia carriera, sono stato giudicato per questioni extra campo e non per le mie prestazioni. I miei compagni mi dicevano di non pensarci e concentrarmi ma a volte anche gli avversari mi insultavano. Sono diventato famoso non giocando. Non ho mai approfondito la situazione, ma ho un mio pensiero sull’autore delle voci: quando ero piccolo c’era chi voleva che rimanessi a Napoli, quando ho deciso di andarmene alcune persone non l’hanno presa bene“.

LAZIO – “Mi aspettavo di avere più chance: ogni volta che mi mandavano in prestito facevo bene, ma in biancoceleste non ho avuto le stesse possibilità di altri calciatori. Credo che anche il club sia stato condizionato dalla questione età. Inzaghi? Non mi ha dato le chance che meritavo. Essendo stato un suo giocatore, importante, in Primavera, mi aspettavo che mi prendesse in considerazione anche in prima squadra, ma non l’ha fatto. Sono un po’ deluso dal suo comportamento, vedevo che venivano date possibilità a calciatori di livello inferiore al mio, o uguale, mentre io andavo in prestito“.

EX COMPAGNI – “L’amicizia va oltre il calcio, sento spesso Tounkara e Keita, ma anche Strakosha, Luiz Felipe e Felipe Anderson“.

ITALIA – “Sono arrivato all’età di 14 anni, andai a Roma con la promessa di fare un provino per il Milan ma quando arrivai a Termini aspettai per ore senza trovare nessuno. Andai alla stazione della polizia che mi portò in casa famiglia. All’inizio chiesi aiuto per tornare in Camerun, poi però mi sono trovato bene. Mi hanno insegnato a fare il pizzaiolo, tagliare l’erba e poi mi iniziai ad andare a scuola“.

CALCIO – “Il primo provino in assoluto è stato col Napoli, mi ci portò Mino Raiola che all’epoca era il mio agente. Era il Napoli di Mazzarri, con Cavani e Lavezzi. Il provino andò benissimo e restai per un anno, poi decisi io di andare via, perché essendo un minorenne non accompagnato avrei dovuto aspettare 3 anni per giocare, oppure andare tra i dilettanti. Successivamente ho fatto altri provini importanti: Inter, Udinese, Spezia, Milan, PSG e Manchester United“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News