Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Oltre la Lazio

Italia, Mancini: “Il nostro obiettivo è vincere il Mondiale”

Serie A, Mancini: "Da CT preferirei si riprendesse dopo l'estate"

Conferenza stampa di Mancini a Coverciano. L’Italia si prepara ad affrontare i play-off per andare ai mondiali di Qatar 2022.

Roberto Mancini ha parlato oggi a Coverciano in conferenza stampa. L’Italia si prepara ad afforntare i play-off per Qatar 2022 e il commissario tecnico della Nazionale ha presentato così l’impegno:

Lo sport italiano dà sempre grandi soddisfazioni, poi non si può sempre vincere ma è sempre stato ad altissimo livello. Questa estate abbiamo iniziato noi e gli altri ci hanno seguito, ora speriamo accada il contrario. Ma il bello sarà a novembre-dicembre, ora c’è questa settimana di passione. Ho cercato di portare chi poteva essere più utile. Abbiamo un mezzo allenamento domani pomeriggio e poi uno domenica. Non abbiamo tanto spazio per provare cose nuove. La base è quella dei giocatori venuti all’Europeo, tranne Bernardeschi che non stava benissimo o qualcun altro rimasto fuori, ma non ne potevo portare 40. Sono già abbastanza così, poi faremo ancora delle valutazioni.

Attenzione a dare per scontata la prima partita, perché non sarà semplice, poi eventualmente ci saranno altri 4 giorni per preparare la seconda. Allo scenario peggiore pensate voi. Io penso a quello migliore. Non saranno due gare semplici, ma siamo positivi e pensiamo che possa andare tutto bene. Non dovevamo nemmeno esserci qui, ma può capitare di andare un po’ più in difficoltà. Ci sta.

La nostra squadra ha ottenuto risultati perché è partita dalla base del gioco e deve restare quella, credo paghi sempre. Dobbiamo riprendere a giocare come abbiamo sempre fatto, quanto ottenuto non è arrivato per caso. Avremmo fatto volentieri a meno di queste partite, ma i ragazzi stanno bene e questa è una base importante. In attacco abbiamo portato attaccanti di diversi tipi per queste due partite. Il nostro obiettivo è vincere il Mondiale, per vincere il Mondiale dobbiamo vincere queste due partite. Vogliamo andare al Mondiale per vincerlo“.

Le apprensioni maggiori per il ct sono in difesa dove ci sono da valutare le condizioni di Chiellini, ma anche quelle di chi  si è unito al gruppo solo nella mattinata di oggi, come Palmieri, o chi non sta attraversando un ottimo momento di forma come Barella e Insigne. Mancini però non vuole sentir parlare di preoccupazione.

Non sono preoccupato. Sono fiducioso perché so di avere bravi giocatori e professionisti che hanno costruito dal nulla una vittoria all’Europeo quando nessuno ci credeva. Ma nessuno… La fiducia deve ripartire proprio da questo, da ciò che abbiamo fatto. La squadra è solida, ha delle qualità. Sensazioni ed emozioni ci sono, la cosa però a cui si deve pensare principalmente è quanto accaduto a luglio. Ripartire da quella. 

Dobbiamo pensare alla Macedonia. Abbiamo queste 2-3 situazioni, Bonucci si sta allenando, sta abbastanza bene, ma sarà valutato per la seconda partita. Una squadra per vincere deve avere una grande difesa. Davanti, Berardi e Scamacca stanno facendo bene, ma non posso dire oggi la formazione“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Oltre la Lazio