Resta in contatto

Settore giovanile

Lazio Primavera, Calori: “Oggi sono mancate fame e intensità”

Dopo la sconfitta contro il Cesena, l’allenatore della Lazio Primavera ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla prestazione dei suoi.

Brutta sconfitta contro il Cesena oggi per la Lazio Primavera, che si complica la vita nella corsa verso la promozione. L’allenatore biancocelese Alessandro Calori ai microfoni dei media ufficiali del club ha analizzato il KO. Le sue parole, riportate sul sito ufficiale della società, suonano come un monito per i giovani aquilotti:

Siamo arrivati quasi sempre secondi su ogni pallone, siamo arrivati scarichi come attenzione e come atteggiamento. Per diventare giocatori non bastano le qualità tecniche ma serve la fame in queste partite. Bisogna saper reagire e bisogna fare tesoro di questa partita per le prossime che verranno.

Nel primo tempo muovevamo poco velocemente il pallone e sbagliavamo le cose più semplici che proviamo ogni giorno in allenamento. Se non hai la fame in certe partite succede come oggi. Se abbiamo pari intensità viene qualcosa in più e si vincono le partite, non basta chiamarsi Lazio per vincere. La squadra non si è persa, fino ad oggi abbiamo fatto un buon percorso, creando tanto ma oggi non siamo riusciti ad avere la padronanza della partita. È mancato quel qualcosa in più a livello di intensità e di voglia.

Ora dobbiamo continuare sulla nostra squadra, dobbiamo recuperare le nostre consapevolezze, curando gli errori che oggi sono emersi. Le qualità le abbiamo, ma dobbiamo crescere per arrivare a certi livelli e per essere dei giocatori adulti. Parlo quotidianamente con i giocatori singolarmente, cerco sempre di abituarli alla pressione perché indossano una maglia importante. Ognuno deve dare sempre il meglio di sé, pensando sempre al ‘noi’. Adesso serve migliorare la testa per dare intensità a quello che si fa in campo. Non è finita, il cammino è lungo e dobbiamo ritrovare il giusto spirito“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Settore giovanile