Resta in contatto

Oltre la Lazio

Italia, Mancini: “Noi la dimostrazione che anche quando meriti, a volte non vinci”

Serie A, Mancini: "Da CT preferirei si riprendesse dopo l'estate"

Il ct dell’Italia Roberto Mancini ha rilasciato un’intervista al quotidiano francese L’Equipe dove ha parlato del futuro azzurro.

Intervista al quotidiano L’Equipe per Roberto Mancini . Il commissario tecnico della Nazionale ha parlato della mancata qualificazione diretta ai prossimi mondiali, dei prossimi spareggi e del futuro degli Azzurri.

Abbiamo avuto diverse occasioni di qualificarci prima, ma siamo stati sfortunati. I dettagli che prima ci giravano a favore, nelle ultime occasioni ci sono girati contro. Nelle ultime due partite contro la Svizzera abbiamo dominato, ma non ne abbiamo vinta nemmeno una. Peccato, ma ormai è successo e adesso dobbiamo rimboccarci le maniche. Abbiamo le qualità per vincere e qualificarci lo stesso e lo dimostreremo.

Nel 2018 dissi ai ragazzi che nello sport ci sono momenti in cui le cose vanno male e altri in cui vanno bene. In Nazionale purtroppo se non vai a un Mondiale devi aspettare quattro anni per provare a fare quello dopo. In una carriera da calciatore sono un tempo lunghissimo. Oggi la situazione è di nuovo complicata e dobbiamo vincere due partite per andare in Qatar. Restiamo però una squadra eccellente, che ha appena vinto l’Europeo. Siamo la dimostrazione che nel calcio, anche quando meriti, a volte non vinci. Meritavamo la qualificazione da un bel po’ e invece ci ritroviamo in una situazione molto difficile. Ma è proprio nelle difficoltà che bisogna essere forti”.

Conosco bene il calcio in Italia, la volubilità del contorno, di un ambiente che passa in un attimo dall’esaltazione alla depressione. Di certo i giocatori non avevano perso le loro capacità per una sconfitta e l’amichevole che giocammo a Nizza contro la Francia mi confortò. Perdemmo 3-1 ma mi accoris che non eravamo poi così lontanti al livello di gioco. Il rinnovamento era necessario, ma io non guardo solo l’età di un calciatore. Abbiamo tenuto giocatori d’esperienza e il mix ha funzionato. 

L’Italia ha vinto 4 mondiali con 4 sistemi di gioco diversi: non ce n’è uno che ti fa vincere per forza. Ogni squadra ha però un suo stile e certamente il nostro è storicamente improntato sulla solidità difensiva. All’Europeo la sola partita in cui abbiamo sofferto è stata contro la Spagna., che ha un palleggio notevole. Ma la nostra identità è quella di saperci difendere meglio degli altri. Poi però uno deve essere anche capace di segnare in modi diversi. In Nations League abbiamo perso contro la Spagna soltanto perché siamo rimasti in dieci, altrimenti avremmo almeno potuto pareggiare la partita. La nostra vittoria all’Europeo ha dato fiducia a tutto il movimento sportivo nazionale. Abbiamo reso felici le persone e questa resta una soddisfazione enorme.

Ora dobbiamo aspettare fino a marzo per gli spareggi e questo non mi piace. Mi manca allenare ogni giorno e giocare costantemente invece che una volta ogni tanto. Per il mio futuro vedremo. Ora abbiamo questi importantissimi spareggi da affrontare, poi vedremo che cosa succederà. Non sto ancora pensando al mio futuro“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Quindi caro Val dormi tranquillo con Lotito tutto quello che potevamo fare lo abbiamo fatto, continueremo a galleggiare. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "emozioni infinite in curva nord! con questa luce che mi abbagliaaaa....Grazie Beppe sei un grandissimo"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Oltre la Lazio