Resta in contatto

News

Lazio, Sarri: “Vorrei il Barcellona. Troppe gare? Se continuiamo così smetto di allenare”

Lazio-Galatasaray, le parole di Sarri nel post gara.

Maurizio Sarri è intervenuto nel post gara di Lazio-Galatasaray ai microfoni di Sky: “Abbiamo fatto una buona partita, tenendola in pugno e senza rischiare quasi mai. Ci è mancato qualcosa negli ultimi 20 metri e un calcio piazzato favorevole, anche se loro si sono chiusi bene. Per il predominio avuto, potevamo anche fare meglio. Dobbiamo crescere in questo tipo di partite ed è essere più costanti. Il predominio sul campo deve essere finalizzato. Tuttavia io sto vedendo dei passi in avanti. Come ho detto prima, abbiamo portato spesso il pallone nell’area avversaria, ma ci è mancato qualcosa stasera. Basic? E’ intelligente tatticamente ed ha qualità tecniche e fisiche. Può crescere ancora molto ed ha già fatto dei passi in avanti, malgrado si debba ancora ambientare. Rinnovo? Penso di aver trovato l’ambiente ideale qui. Mi trovo bene ora dobbiamo vedere come programmare e portare avanti il futuro. Difficoltà? Chiunque spera di trovarne poche, ma nella vita reale spesso non è così”.

Le parole del tecnico a Dazn.

“Oggi ci è mancato l’ultimo passaggio e qualcosa in area di rigore c’è mancato. Il Galatasaray è una buona squadra che questa sera non voleva giocare. Il terreno oggi non ci ha favorito. Vorrei trovare il Barcellona perché è l’unica squadra che non ho trovato da allenatore. Ancora tante partite? Il calcio è cambiato e mi piace sempre meno. Se dovesse continuare così smetterò di allenare. Il nostro lavoro è fare i registi televisivi. Sento sempre dire che Sarri si lamenta, ma le mie sono solo constatazione”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News