Resta in contatto

News

Lazio, Sarri: “Contento della squadra. Vice Immobile? Non facile trovarlo”

Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Dazn, dopo la sconfitta contro la Juventus.

 

“La squadra ha fatto la partita che ho chiesto. Nei primi trenta minuti nel secondo tempo non abbiamo preso un contropiede. Siamo mancati, purtroppo, negli ultimi dieci metri, ma a tratti abbiamo fatto una buonissima gara. Ci siamo trovati sotto dopo un bel avvio di gara. Loro hanno cambiato modulo mettendosi a 5 e schiacciandosi dietro la linea della palla. Avere un’alternativa ad uno che fa 35 gol l’anno è dura da trovare. Oggi c’è mancato un po’ l’uno contro uno sull’esterno ma non si può avere tutto. L’ultimo quarto d’ora non mi è piaciuto, però la squadra ha tenuto il campo bene”.

Queste le parole del mister alla radio ufficiale:

“A me il primo rigore sembra un errore del VAR non dell’arbitro, Cataldi entra sulla palla. Perché su Pedro, che viene spinto in area, non c’è stato un richiamo? All’intervallo ho detto all’arbitro che quello è un rigorino che solo in Italia danno. Questa è stata una partita fatta bene da noi, ma è stata sbloccata da quell’episodio. Nel finale abbiamo avuto una reazione rabbiosa, dovevamo rimanere squadra fino all’ultimo. Abbiamo avuto il predominio territoriale e di gioco e con la Juve non è facile. Hanno vinto da Juve, rigorino per il vantaggio, difesa solida e contropiede, nonostante la supremazia non ce l’abbiamo fatta a creare di più. Cercheremo di vincere a Mosca, ma per la rosa sarà difficile perché torneremo venerdì e dopo 24 ore partiremo nuovamente per Napoli. C’è un fallo su Lazzari uguale a quello fatto da Hysaj e non ci è stato neanche fischiato. Immobile ti allunga la squadra avversaria creandoti spazi, ci è mancato il guizzo delle ali, però dopo il primo rigore era difficile, si sono difesi bene e senza una giocata individuale è dura. Abbiamo parlato, cercato soluzioni ma se non capita la palla giusta è complicato”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News