Resta in contatto

News

Jorginho sbaglia il rigore, l’Italia pareggia 1-1: ora la sfida decisiva in Irlanda del Nord

Finisce in parità la sfida con la Svizzera.

Si ferma dagli 11 metri la speranza di qualificarsi direttamente ai Mondiali in Qatar: l’errore di Jorginho su rigore (calciato alto sopra la traversa) “condanna” l’Italia a vincere l’ultima gara, lunedì a Belfast contro l’Irlanda del Nord, con un vantaggio di due reti sulla Svizzera, avversario che ha venduto cara la pelle nella sfida dell’Olimpico.

Nel primo tempo della sfida, l’Italia gioca una partita ordinata, senza riuscire a trovare mai lo spunto giusto e subendo il gol di Widmer, che ammutolisce l’Olimpico. Nel finale di frazione il gol di testa di Di Lorenzo, che rimette in equilibrio la sfida. Nella ripresa gli Azzurri di Mancini entrano con una testa diversa, attaccano con più convinzione, sprecando diverse occasioni. Quando la gara sembra volgere al termine, il fallo di Garcia su Berardi concede la chance a Jorginho di portare l’Italia ai Mondiali: rincorsa, tiro e pallone scagliato in curva. Tutto rimandato a lunedì, per il Mondiale bisogna ancora attendere.

TABELLINO

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Acerbi, Emerson (79′ Calabria); Barella (69′ Cristante), Jorginho, Locatelli (58′ Tonali); Chiesa, Belotti (58′ Berardi), Insigne (79′ Raspadori). All. Mancini. A disp. Bernardeschi, Biraghi, Mancini, Meret, Pessina, Scamacca, Sirigu

Svizzera (4-4-2): Sommer; Widmer, Akanji, Schar, Rodriguez (68′ Garcia); Vargas, Zakaria, Freuler, Steffen (68′ Imeri); Shaqiri (79′ Sow), Okafor (79′ Frei). All. Yakin. A disp. Aebischer, Comert, Gavranovic, Itten, Kohn, Mbabu, Omlin, Zeqiri  Arbitro: Taylor (ENG)  Marcatori: 11′ Widmer, 35′ Di Lorenzo  Ammoniti: 43′ Chiesa, 47′ Insigne, 77′ Schar, 81′ Akanji, 87′ Garcia

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Quindi caro Val dormi tranquillo con Lotito tutto quello che potevamo fare lo abbiamo fatto, continueremo a galleggiare. ..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "emozioni infinite in curva nord! con questa luce che mi abbagliaaaa....Grazie Beppe sei un grandissimo"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News