Resta in contatto

Giulio Cardone

Marsiglia – Lazio, le Cardopagelle: Ciro eroico, Sergej in apnea

Marsiglia – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Strakosha 6,5

Parata formidabile sul colpo di testa di Milik sullo 0-0, nella ripresa subisce gol solo per un pasticcio della difesa. Bravo Thomas, bel segnale.

Lazzari 6

Sono preoccupato per il suo polpaccio, che sfortuna!

Luiz Felipe 6,5

Partita eccezionale fino alla confusa azione del pareggio francese, quando sbaglia scelta e consente al Marsiglia di tornare in area. Però mi sembra in gran forma, davvero.

Acerbi 5

Il Leone si arrabbia perché il rigore è generoso però lui aveva sbagliato a farsi aggirare da quel volpone di Milik. Sfortunato e colpevole anche nel caos del 2-2. Oggi meno lucido del solito, il Leone.

Hysaj 5,5

Under è tra i migliori dei suoi, il nostro terzino contro di lui nel primo tempo ha sofferto tanto. Spostato a destra quando è uscito Lazzari, nella ripresa non raddoppia come dovrebbe su Payet. All’attivo, però, diversi interventi importanti nei mischioni della ripresa.

Luis Alberto 6,5

Corre e contrasta talmente tanto che poi stecca una rifinitura per Ciro veramente facile per lui. Merita comunque in bel voto per il lavoro svolto e perché è uscito sul 2-1 per noi.

Leiva 6

La sufficienza ci sta perché in fase difensiva se la cava con la consueta esperienza, ma certo il suo ritmo è troppo diverso da quello della partita. Flemmatico.

Basic 6+

Lo voglio più aggressivo, più sfrontato: bene nel pressing e nel recupero palla, deve osare di più negli inserimenti. L’ho visto arrabbiato quando è uscito, giusto così. E apprezzo il fatto che sia già a suo agio negli schemi della Lazio.

Felipe Anderson 7

In Europa il gol gli mancava tanto, firma l’1-1 con freddezza e opportunismo: davanti alla porta è diventato implacabile.

Immobile 10

Mamma mia che partita, Ciruzzo nostro. Eroico, davvero: gioca con un ginocchio che fa i capricci e nonostante questo segna il gol numero 160 da laziale, staccando Piola. E nel momento di grande difficoltà della squadra aiuta in fase difensiva. Nel finale in apnea, poi, si guadagna forse le due punizioni più importanti della gara. Ragazzi, ma avete capito il privilegio che abbiamo a poterci godere un campione così? Ti voglio bene, Ciruzzo! Si meriterebbe un blitz a Fiumicino dei tifosi, per portarlo in trionfo!

Pedro 6,5

Non può giocare sempre da 8 come le ultime due partite, ma Pedrito è comunque preziosissimo in entrambe le fasi. Ormai è assolutamente insostituibile.

Sarri 7

Stavolta la squadra non stecca la terza partita, dopo due prove positive. Peccato per la secondo rimonta consecutiva nel finale, la Lazio deve imparare a gestire con più serenità i momenti complicati. E soprattutto deve segnare il gol della sicurezza. Però che carattere, ragazzi! Neanche la bolgia di Marsiglia ha piegato la Lazio di Maurizio, che spero davvero firmi il rinnovo al più presto. Comandante, portaci agli ottavi di Europa League, forza!

Marusic 6

Combatte contro Under senza perdere la testa e gestendo la fatica di 7 gare consecutive. Bravo, Adam.

Cataldi 7

Si muove con naturalezza perfino nell’inferno del Velodrome, ormai padrone del ruolo e al centro della Lazio. Sempre meglio, Danilo…

Milinkovic 5

Sergej, stavolta questa partita non l’hai capita. Sei entrato che sembravi distratto, poi hai giocato con una superficialità che ormai avevi meravigliosamente riposto in cantina, preferendo il lezioso al concreto. Hai un’attenuante, la stanchezza che infatti aveva convinto Sarri a lasciarti in panchina. Voglio il riscatto domenica, mi raccomando!

Raul Moro 5

Non ha ancora la testa e la personalità, oltre al fisico, per giocare momenti cruciali di una sfida così rovente. Ma è un pischello, giusto che faccia esperienza anche in questi confronti elettrici.

Akpa Akpro 5

Entra e va in confusione. Che succede, JD? I tuoi limiti sono noti, ma almeno fino a qualche partita fa eri utilissimo a gara in corso. Forza ragazzo, forza!

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Giulio Cardone