Resta in contatto

News

Lazio, il doppio ex Crespo: “Partita tosta per entrambe. Inzaghi? Al fischio d’inizio l’emozione finirà”

Gazzetta dello Sport, Crespo: "Lazio e Atalanta le vere sorprese"

Il doppio ex di Lazio – Inter, Hernan Crespo, ha parlato ai microfoni de Il Messaggero

Lazio – Inter è sicuramente la partita di Hernan Crespo. Il Valdanito, protagonista in carriera con entrambe le maglie, ha parlato ai microfoni de Il Messaggero in vista del match:

“Sarri è un tecnico che mi piace molto, si vede che ha passione. È garanzia di organizzazione e di successo. La gente laziale deve avere pazienza, prima o poi la sua Lazio sarà bella e continua. Segnerà tanti gol perché ha giocatori di qualità. Ma ci vuole tempo. Lazio – Inter è un bel banco di prova per entrambe, anche se siamo appena all’inizio. Sono due squadre forti ma diverse. Una deve confermarsi e non è facile perché ha perso giocatori importanti. L’altra si sta ricostruendo, puntando su un’idea con dei giocatori bravi. Un bel mix. Inzaghi? Sta facendo un buon lavoro, di continuità. Certo che se la Lazio gioca come nel derby, per l’Inter sarà dura. Immobile? È un grande attaccante, micidiale. Sa attaccare gli spazi come pochi, gioca per la squadra, segna e fa segnare, può arrivare a 200 reti. È un giocatore ideale per ogni allenatore. Perfetto per Sarri. Nella Lazio mi intriga anche Luis Alberto: se gira lui, gli attaccanti si divertono, mi ricorda un po’ Veron. Il ritorno di Inzaghi? So quanto sia legato all’ambiente biancoceleste, credo che non sarà facile all’inizio ma poi comincerà la partita e tutto passerà. La nostra Lazio? Eravamo una squadra spettacolare, con giocatori pazzeschi. Poi Roma è meravigliosa, anche se non era facile girare per la città in quei tempi. Ti dovevi imbacuccare per non essere riconosciuto. Veron era bravissimo in questo. Una volta uscimmo insieme e, non sapendo questa cosa, per colpa mia, rimanemmo chiusi in un negozio per ore, con i tifosi fuori. Da quella volta sono uscito solo di notte, e Roma di notte è stupenda”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News