Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, ‘Diamo i numeri’: Inzaghi l’uomo dei record e Sergej vede un traguardo speciale

La sosta per le nazionali è terminata, e sabato il campionato di Serie A riprenderà subito con una sfida davvero molto suggestiva

Di Daniele Caroleo

La Lazio di Maurizio Sarri ospiterà l’Inter di Simone Inzaghi. Al di là dei numeri relativi alle sfide passate tra queste 2 squadre (in 178 incontri, la formazione nerazzurra ha prevalso ben 73 volte, a fronte delle 46 vittorie capitoline e dei 59 pareggi), questa partita riveste un fascino particolare per il ritorno a Roma proprio dell’ex allenatore biancoceleste.

Non è uno qualsiasi, Inzaghi. Detiene il record assoluto di presenze sulla panchina biancoceleste in Serie A (197) ed è secondo solo a Sven-Göran Eriksson per media punti (1.9 per lo svedese contro l’1.82 per l’ex attaccante della Lazio). Con la Lazio, inoltre, Simone Inzaghi ha anche giocato per ben 196 volte (55 reti) e nel corso dei 20 anni passati in quel di Formello, ha conquistato 1 scudetto, 1 Supercoppa UEFA, 4 Coppe Italia (3 da giocatore e 1 da allenatore), 4 Supercoppe Italiane (2 da tecnico ed altrettante da calciatore), 2 Coppe Italia Primavera e 1 Supercoppa Primavera. Al di là, quindi, del dibattito (piuttosto acceso) di questi ultimi giorni su come lo stesso Inzaghi verrà accolto dai suoi ex tifosi, si può comunque affermare con assoluta certezza e senza timore di essere smentiti che l’attuale allenatore dell’Inter ha, evidentemente, ricoperto un ruolo importantissimo nella recente storia della società biancoceleste. E questo è un dato di fatto, almeno dal punto di vista statistico.

Scorrendo più nel dettaglio, poi, i numeri relativi a questa sfida, scopriamo inoltre che in 78 incontri disputati a Roma il bilancio risulta essere certamente più equilibrato rispetto al dato complessivo (27 successi della Lazio, 29 pareggi e 22 vittorie nerazzurre), con la squadra di casa che non perde contro l’Inter dalla stagione 2018-2019. Inoltre, il risultato più ricorrente di questo specifico incontro, risulta essere il pareggio con una rete per parte (1-1). Ben 12 volte, infatti, la partita è terminata con questo punteggio (curiosità: la prima sfida nel girone unico, nel campionato 1929-1930, e l’ultimo incontro in quel dell’Olimpico, nell’ottobre del 2020, sono entrambe terminate proprio in questo modo). Nel caso anche la sfida di sabato 16 ottobre 2021 dovesse terminare con questo risultato, l’Inter segnerebbe il 250esimo gol contro i biancocelesti (solo contro la Juventus la Lazio ne ha incassati di più: 275).

Se ci riferiamo solo agli ultimi anni, inoltre, come ricordato perfettamente da FootData, La Lazio ha vinto solamente 2 delle ultime 10 partite di Serie A contro l’Inter (con 2 pareggi e 6 sconfitte) e dopo una serie di 4 successi consecutivi casalinghi contro i nerazzurri, la squadra capitolina ha vinto solo 2 delle ultime 7 gare interne con la formazione meneghina in Serie A (completano il quadro un solo pareggio e ben 4 sconfitte). C’è da dire, per altro, che la Lazio non perde da 16 partite consecutive casalinghe in campionato (14 vittorie e 2 pareggi) ed è dal 2002 che non ottiene un filotto migliore in Serie A (22 gare interne consecutive senza sconfitte).

Infine, parlando più specificatamente dei protagonisti di questo incontro, a fronte dell’assenza pesante, per squalifica, di Francesco Acerbi in difesa (con la partita della Nazionale contro il Belgio, intanto, ha raggiunto le 20 presenze in maglia azzurra con un bilancio di 16 vittorie, 3 pareggi ed una sola sconfitta), c’è da evidenziare come Milinkovic abbia già segnato contro i nerazzurri ben 4 reti (contro nessun altra squadra in Serie A ha fatto di meglio): nel caso dovesse ripetersi nella sfida di sabato, raggiungerebbe quota 50 gol con la maglia biancoceleste.

Se a tutto questo aggiungiamo che quando Lazio e Inter scenderanno in campo, di fatto si affronteranno il secondo attacco più prolifico tra le mura amiche (quello biancoceleste, che vanta, tra l’altro, 8 marcatori diversi complessivamente) ed il secondo attacco con più reti in trasferta (quello nerazzurro, con ben 11 autori diversi in totale), sembra piuttosto difficile immaginare che questa partita possa terminare a reti bianche (0 cleen sheet per la Lazio in questa stagione di Serie A e solo 1, nella prima giornata, per l’Inter) o possa risultare avara di emozioni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti