Resta in contatto

Dirette

Lazio Women – Pomigliano, 1-2. Altra sconfitta per le biancocelesti

Segui con noi la diretta scritta del match della Lazio Women contro il Pomigliano al Fersini di Formello.

Torna in campo la Lazio Women, ancora in cerca dei primi punti stagionali. Mister Massimiliano Catini raccoglie l’eredità di Carolina Morace, esonerata dopo l’ultima sconfitta contro il Sassuolo, e proverà già da oggi a risollevare le sorti delle ragazze biancocelesti. Fischio d’inizio alle 14:30.

Le formazioni

Lazio (4-3-3)

Öhrström; Gambarotta, Föerdös, Labate, Heroum; Castiello, Savini (c), Di Giammarino; Andersen, Martin, Cuschieri.

A disp.: Pezzotti, Santoro, Mattei, Berarducci, Falloni, Mastrantonio, Guidi, Pittaccio, Visentin.

All.: M. Catini

Pomigliano (4-2-3-1)

Cetinja; Fusini, Cox, Luik, Apicella (c); Ferrario, Ferrandi; Tudisco, Ippolito, Banušic, Rinaldi

A disp.: Russo, Varriale, Puglisi, Massa, Vaitukaityte, Capparelli, Vitale, Panzeri, Ejangue Siliki.

All.: D. Panico

Il match

Pomeriggio nuvoloso a Formello. Le squadre sono già in campo sul terreno del Fersini e stanno ultimando il riscaldamento.

Ad accompagnare l’ingresso in campo delle ragazze, Terre des Hommes con la campagna “indifesa” a sostegno dei diritti delle bambine e delle ragazze di tutto il mondo. Un cartellone arancione, con il logo dell’associazione campeggia al centro del campo.

h 14:30 – Fischio dell’arbitro. Inizia il match.

1′  – Primo pallone giocato dalla Lazio, con Martin che guadagna subito un calcio di punizione in zona offensiva. Sulla successiva battuta di Cuschieri è la stessa numero 10 a colpire di testa, ma il pallone finisce tra le braccia del portiere avversario.

3′ – Forte la Lazio in pressione offensiva sin dai primi minuti. Giocata personale di Heroum, che però serve Cuschieri leggermente in ritardo e il guardalinee sbandiera il fuorigioco.

7′ – Si fa vedere anche il Pomigliano in attacco. Tentativo dal limite di Banušic, contratto dalla difesa.

10′ – GOOOL DELLA LAZIO!!! Zampata vincente di Signe Holt Andersen, che si è inserita col tempo giusto per vie centrali sulla palla scodellata al centro da Martin. 1-0 per le biancocelesti.

11′ – Tentativo di reazione immediata della squadra ospite, ma Öhrström fa buona guardia sull’imbeccata in verticale di Tudisco per Ippolito. Uscita con i tempi giusti per bloccare il pallone prima della conclusione.

15′ – Pomigliano in attacco con Banušic che cerca Rinaldi con un cross dalla destra. Traiettoria lunga, controcross dalla sinistra di Tudisco su cui fa buona guardia Föerdös.

19′ – Calcio di punizione per il Pomigliano. la battuta di Ferrandi però finisce alle stelle.

20′ – Ancora Pomigliano in zona offensiva, altro calcio di punizione fischiato alle ragazze in maglia rossa sull’out di destra.

20′ – Che rischio per la Lazio! Indecisione della difesa, con Öhrström che non si intende con le due centrali davanti a sé e rischia la frittata. Palla che finisce sui piedi di Luik. Battuta a rete deviata in angolo nel parapiglia di maglie dentro l’area piccola.

26′ – Da diversi minuti la Lazio non riesce più a farsi vedere con continuità in zona offensiva. Le ospiti hanno alzato il baricentro e pressano alte. Altro calcio di punizione conquistato dai 30 metri.

27′ – Gran parata di Öhrström! Intervento in tuffo con la mano di richiamo del portiere delle biancocelesti, che salva il risultato sulla conclusione diretta in porta di  Marija Banušic.

30′ – Soffrono le ragazze di mister Catini, che stanno facendo di tutto per difendere il vantaggio. Ormai le ospiti hanno piantato le tende nella trequarti biancoceleste. L’ennesimo pallone messo al centro da calcio da fermo dalla squadra campana è però  ancora una volta lungo e si spegne sul fondo.

33′ – Prima ammonizione del match. La rimedia Antonietta Castiello per un intervento falloso in ritardo su Gaia Apicella.

35′ – Problema fisico per Öhrström, che dopo aver bloccato un pallone in presa alta ha chiesto l’intervento dei medici. Si scalda a bordo campo Emma Guidi in via precauzionale.

36′ – Sembra potercela fare per il momento la numero 1 biancoceleste. Il gioco riprende dopo un paio di minuti di interruzione.

44′ – L’arbitro richiama verbalmente Ippolito e Martin, che su una rimessa laterale stavano facendo volare qualche parola di troppo, e invita alla calma anche la panchina della squadra ospite.

45′ – Segnalati 4 minuti di recupero, per le diverse interruzioni in questa prima frazione di gara.

h 15:19 – Finisce il primo tempo al Fersini.

Mentre le squadre sono negli spogliatoi, in campo è rimasta il secondo portiere Emma Guidi ad effettuare alcune esercitazioni con lo staff biancoceleste.

h 15: 30 – Tornano in campo le squadre per il secondo tempo. Cambio tra i pali per la Lazio. Emma Guidi prende il posto di Stephanie Öhrström.

46′ – Gol annullato al Pomigliano. Banušic aveva insaccato, ma era partita da posizione di fuorigioco.

49′ – Pareggio del Pomigliano. Questa volta è tutto buono. Rinaldi si allunga in scivolata dentro l’area su una palla radente messa dentro da Banušic. 1-1 al Fersini.

52′ – Seconda frazione di gioco ripresa con lo stesso leit motiv della prima. Pomigliano costantemente in attacco e Lazio che fa fatica a costruire il gioco in ripartenza. Dopo il gol del pari, le ospiti continuano a spingere.

58′ – Doppio cambio per la Lazio. Escono Cuschieri e Andersen ed entrano Pittaccio e Visentin.

61′ – Si riaffaccia la Lazio in attacco. Dopo un’azione personale sulla fascia destra della nuova entrata Pittaccio, il pallone finisce sui piedi di Heroum che però calcia alto.

63′ – Cambio per Pomigliano, Vaitukaityte prende il posto di Ferrandi.

66′ – A un passo dal vantaggio Pomigliano, ancora con Rinaldi. Lancio lungo per Banušic, che fa la sponda per l’accorrente compagna di squadra col numero 9. Il tiro finisce largo.

68′ – Pomigliano in 10! Espulsa la numero 28 Zhanna Ferrario per fallo da ultimo uomo su Visentin lanciata a rete.

69′ – Sfiora il gol del 2-1 la Lazio! Il calcio di punizione di Martin finisce a centimetri dall’incrocio dei pali.

70′ – Che occasione sciupata da Noemi Visentin! Servita perfettamente al centro dell’area, all’altezza del dischetto del rigore, da Pittaccio, la numero 99 inciampa al momenti di calciare e spreca malamente il possibile 2-1.

72′ – Ammonita Federica Savini.

73′ – cambio tra le fila di Pomigliano. Esce la numero 23 Tudisco per fare spazio alla numero 6 Puglisi.

77′ – Martin prova a sorprendere dalla distanza Cetinja, uscita fuori dalla propria area per rinviare un pallone. Il tiro della 10 biancoceleste finisce a centimetri dal palo destro. Pochi minuti prima un’azione simile aveva visto il tentativo di Heroum spegnersi però molto più lontano dal bersaglio.

79′ – Ammonita Di Gianmmarino. Calcio di punizione per Pomigliano dal lato destro dell’area laziale.

82′ – Autogol di Föerdös. Pomigliano completa la rimonta e va in vantaggio. Contropiede delle campane condotto da Rinaldi che mette il pallone dentro per Banušic. La numero 5 biancoceleste prova l’anticipo in scivolata ma infila il pallone nella propria porta.

84′ – Sostituzione per Pomigliano. Esce Banušic, entra Siliki.

85′ – Ammonita Adriana Martin. Intervento duro su Apicella.

88′ – Si lotta su ogni pallone in questi minuti finali. Di forza Pittaccio si conquista un calcio di punizione in zona offensiva. Sul cross dentro di Heroum però, le biancocelesti non riescono a concludere a rete.

90′ – Segnalati 4 minuti di recupero.

90′ +1 – Labate prova una conclusione dalla distanza, ma il pallone finisce lontanissimo dalla porta.

90′ +3 – Visentin spreca ancora. La 99 si libera bene al centro dell’area ma la conclusione è debole.

90′ +4 – Ammonita Labate che blocca il contropiede delle ospiti.

h 16:21 – Finisce qui il match. Altra sconfitta per la Lazio Women. In lacrime Martin a centrocampo e con lei Beatrix Föerdös. Frustrante per le ragazze questa ennesima sconfitta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Dirette