Resta in contatto

Oltre la Lazio

Italia, Gravina: “Ci candideremo per ospitare Euro2028”

Gravina: "Amareggiato di dover contrastare l'oscurantismo verso il calcio"

Il presidente della FIGC Gabriele Gravina preannuncia la candidatura dell’Italia per ospitare gli Europei nel 2028.

L’Italia si candiderà per ospitare i campionati Europei di calcio del 2028. A preannunciare questa volontà è il presidente della FIGC in persona, Gabriele Gravina, a margine del Festival dell’Economia di Trento.

Da qualche giorno è uscito il bando e noi ci saremo, è fuori discussione. L’Italia ha bisogno di un grande evento anche per coronare questo percorso e in Italia un grande evento manca da troppi anni. Spero che il Governo condivida e possa dare anche un supporto concreto affinché si possano anche ammodernare gli stadi e costruirne di nuovi“.

L’idea arriva anche sulle ali dell’entusiasmo per la vittoria azzurra a luglio scorso, sulla quale lo stesso numero 1 della Federcalcio è tornato a spendere qualche parola:

Il momento che mi resta di più nel cuore dell’Europeo è la finale. L’errore di Jorginho mi ha fatto cadere in depressione, ero in piedi e mi sono riseduto, ma poi è arrivata la splendida parata di Gigio Donnarumma“.

E sulla conferma del ct Mancini, ancor prima della cavalcata trionfale di questa estate, ha aggiunto:

A me interessava testare e capire se ciò che avevamo tracciato e concordato stava dando i suoi frutti e così era. Non c’era un accordo su una ipotesi di vittoria, ma sul voler dare agli italiani una nuova storia, meravigliosa, legata soprattutto al riscoprire l’appartenenza e l’orgoglio. Questo è avvenuto, e mi sembrava doveroso chiudere questo accordo prima della fase finale dell’Europeo. E’ stata una scelta sul progetto, non sul risultato“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Oltre la Lazio