Resta in contatto

Settore giovanile

Lazio Primavera, prima sconfitta per i biancocelesti: vince la Salernitana 2-0

Lazio, la società prende le distanze dallo striscione

Prima sconfitta per i ragazzi di Calori, che da Salerno tornano senza alcun punto. Decisivi Cannavale e Perrone nella prima frazione.

Di Simone Brisi 

Primo tempo in cui la Salernitana ci mette più grinta creando la prima occasione al 7′ con Cannavale. All’11’ ci prova Bertini su punizione, bravo De Matteis a dirgli no. Al 17′ la Salernitana passa in vantaggio con Cannavale su rigore, causato da Adeagbo. Al 20′ ci prova Mancino in rovesciata, palla fuori. La Lazio cerca la rete, che però viene trovata nuovamente dalla Salernitana con Perrone di testa al 31′. Negli ultimi minuti di tempo la Lazio reagisce creando 3 nitide palle gol, ma Crespi, Ruggeri e Ferrante non riescono a riaprire la gara. Nella ripresa la Lazio cerca con tutte le sue forze il gol, ma De Matteis sale in cattedra. Al 55′ e al 63′ due prodigi del portiere granata su Crespi, mentre al 69′ salva su Tare. Al 77′ ci prova anche Bertini, su punizione, sfiorando la porta, così come all’84’ quando il suo tiro finisce vicino al palo. Nulla da fare per la Lazio, che incappa così nella prima sconfitta stagionale

 

Tabellino:

 

SALERNITANA (4-4-2): De Matteis; Garofalo, Motoc, Tumminelli, Perrone (59′ De Lorenzo); Marangoni (66′ Milano), Russo, Visconti, Bammacaro (80′ Lanari); Cannavale (80′ Sabatino), Saponara (66′ Siena).

 

A disp.: Sorrentino, Iuliano, Boiano, Giardinetti, Grasso, Guida, Palmieri.

 

All.: Gianluca Procopio

 

LAZIO (4-2-3-1): Furlanetto; Floriani Mussolini, Adeagbo, Ruggeri; De Santis (78′ Felici), Bertini, Coulibaly; Muhammad (38′ Troise), Ferrante (58′ Tare), Mancino; Crespi (78′ Ferro).

 

A disp.: Moretti, Di Fusco, Pollini, Santovito, Nasri.

 

All.: Alessandro Calori

 

Marcatori: 17′ Cannavale (S), 31′ Perrone (S)

Ammoniti: Crespi (L), Perrone (S)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Lo conobbi al mare ad Anzio, proprio l'estate dello scudetto. Stava con tre amici su una 126 avana che praticamente gli faceva da cappotto. Io ero un..."

#CountdownToHistory, Immobile a un passo da Piola

Ultimo commento: "E pensare che c'è chi lo discute..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

Altro da Settore giovanile