Resta in contatto

News

Lazio, Nenci: “Strakosha una piacevole sorpresa, alla Lazio c’è entusiasmo”

Massimo Nenci, preparatore dei portiere biancocelesti, è intervenuto quest’oggi ai microfoni di Lazio Style Channel.

“L’impatto con la Lazio mi ha entusiasmato, ho trovato persone con voglia di migliorare e di cambiare, ma soprattutto grande entusiasmo. Il bilancio del lavoro dei portieri in questo ritiro è positivo: abbiamo portato qualcosa di nuovo ed i ragazzi hanno dato massima disponibilità, stanno registrando ottimi risultati. I nostri portieri sono molto presenti in queste giornate di lavoro. Lavorare secondo le nostre modalità è determinante: nel primo mese è fondamentale allenarsi tutti i giorni sui nuovi temi, visto ciò che chiede il mister.

Reina l’ho avuto per tre anni al Napoli e lo conoscevo. Strakosha ha rappresentato una piacevole sorpresa, sembrava molto serio, invece è simpatico ed alla mano. Se si lavora con il sorriso, i risultati arrivano. Mi ha sorpreso Lucas Leiva, è veramente un fenomeno: ha un’intelligenza tattica fuori dal comune. Sarà un cardine di questa squadra per il ruolo che ricopre e mi ha entusiasmato per come sta lavorando. La Lazio ha un ottimo organico ed è ingiusto dire chi mi ha sorpreso, i difensori sono all’altezza del compito e sono molto disponibili. Il gruppo è molto valido, non mi soffermo sui singoli. Il mister vuole esprimere sempre gli stessi concetti, il modo di allenare è sempre lo stesso, possono cambiare situazioni personali.

Lavoriamo da tanti anni insieme e non lasciamo nulla al caso, avendo anche studiato molto. Stiamo provando a coinvolgere tutti nella nostra strada. Nei prossimi test amichevoli mi aspetto più qualità nelle uscite basse, stiamo lavorando su questa metodologia richiesta dal mister, il portiere deve avere opportunità di passaggio perché proviamo a far giocare il più possibile, ad oltranza soprattutto con i portieri. Con l’alzarsi del tasso di difficoltà delle gare, mi aspetto qualche giocata in più dal basso. Grigioni è un’istituzione nel mondo dei portieri, lo conosco da venti anni: è stato uno dei preparatori che mi ha ispirato. Per me è un onore lavorare con lui, operiamo in armonia e ci confrontiamo costantemente.

Con umiltà e dedizione al lavoro, i ragazzi riusciranno a capire e ad assorbire ciò che viene richiesto dal mister. Il calcio è un gioco mentale e Leiva è un cardine di questa squadra, poi con Milinkovic e Luis Alberto ai suoi fianchi il lavoro che deve svolgere è sicuramente agevolato dalle qualità dei due interni”.  

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News