Resta in contatto

News

Calori: “Raul Moro ha le potenzialità per rimanere con Sarri”

Al termine della sessione di allenamento mattutina il tecnico della Primavera Alessandro Calori è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel.

“È un grande piacere essere qui con mister Sarri. SI lavora con una metodologia nuova, ma i ragazzi sono molto disponibili a capire. Hanno fatto tredici giorni di lavoro intenso. Con Sarri c’è ordine, ci sono idee chiare. Esiste una programmazione prima degli allenamenti, è tutto organizzato. Il mister mi ha chiamato e mi ha chiesto se potessi raggiungerlo qui, gli ho dato disponibilità con piacere. Il 29 parto con la Primavera, ma questi dieci giorni mi hanno fatto piacere perché ho visto un bel modo di lavorare. 

Auguro a Raul Moro di andare in prima squadra, ha potenzialità per spiccare il volo. Luka Romero è un ragazzo interessante, l’ho visto due giorni e dico che può avere un futuro importante. Bertini ha tutto per fare il calciatore, forse deve completarsi e lo stesso vale per Shehu. Con me in Primavera si inizia un percorso nuovo, voglio una squadra che abbia intenzione di tornare dove merita. Voglio ragazzi che si applichino per crescere. Ancora non sono dei calciatori, ma devono intraprendere la strada per esserlo. Oggi ritrovo Mazzantini e Milanese, ora alla Triestina, che erano miei compagni al Perugia. Ogni tanto ci sentiamo e ci fa piacere. Sarri è un insegnante di calcio, è uno che pretende e che dà una metodologia diversa. Ci vuole tempo per metabolizzare movimenti ed atteggiamenti. Lui è partito subito con il nuovo tipo di lavoro che vuole tra mattina e pomeriggio. I difensori hanno cambiato i principi e criteri di gioco.

Luiz Felipe si sta impegnando a capire cosa voglia il mister. Ci ho parlato spesso per fargli capire i vantaggi e gli svantaggi di questo tipo di gioco. Se i difensori si applicano troveranno benefici da questo nuovo modo di giocare. La Lazio è un gruppo di qualità da metà campo in avanti, mentre dietro ci sono giocatori funzionali a Sarri. I ragazzi giovani vanno costruiti alla base e guidati al professionismo, quando arrivano tra i grandi devono avere le idee chiare. Cercherò di dare loro una preparazione in funzione del gioco della prima squadra. Raul Moro deve crescere sotto il profilo tattico, però ha delle qualità tattiche importanti. Luka Romero è un ragazzo molto interessante, mi tengo basso per non esaltarlo troppo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News