Resta in contatto

News

Lazio, Caicedo: “Ad Auronzo siamo a casa. Sarri? E’ cambiato tutto, ma mi trovo bene col 433”

Lazio, le parole dell’attaccante dal ritiro

Procede a gonfie vele il ritiro della Lazio ad Auronzo, anche oggi doppia seduta. Mister Sarri continua il lavoro con i due gruppi ben separati, oggi pomeriggio la seconda sessione. Poco fa Felipe Caicedo ha parlato ai microfoni ufficiali della società, parlando delle novità apportate dal nuovo tecnico. Queste le parole riportate sul sito ufficiale:

“Il ritiro sta andando bene, stiamo imparando tanto le direttive del Mister. Auronzo per noi è come stare a Roma, quando siamo qui si lavora bene e stiamo procedendo bene. È il posto ideale per prepararsi. È cambiato tutto, un’altra filosofia, si va sul campo, si lavora con preparatori nuovi ma l’essenza vera è quella di lavorare bene e tanto per prepararsi al meglio. Mi trovo bene nel 4-3-3, quando fai l’attaccante alla fine è sempre uguale, cambiano i movimenti ma l’obiettivo è fare gol per far vincere la squadra. Il sistema a quattro è difficile ma ci stiamo impegnando.

Bisogna aiutarsi di più con gli esterni, perché sono solo lì davanti ma ripeto l’obiettivo è sempre quello di segnare. Contento dei tifosi, è bello averli di nuovo qui, e ci fa piacere. Con il mister ci stiamo conoscendo e ci vorrà tempo. Segnare in Champions lo scorso anno è stato un grande stimolo ed è stato un gol importante. Mi ha aiutato a fare meglio. Zona Caicedo? Tanti gol all’ultimo e tutti importanti, forse il più celebrato e il più bello è quello di Cagliari. L’ambiente Lazio mi piace, sono contento qui e mi sono tutti vicini. I tifosi mi scrivono sempre e mi sostengono sui social. Io devo continuare su questa strada. Per me fare l’attaccante non cambia tanto, da una posizione o l’altra. Giocando con gli esterni arriveranno in progressione e noi punte staremo attenti anche ai cross. Si giocherà molto dentro l’area.

Le situazioni di gioco sono diverse ogni volta e dobbiamo capire anche in base alla squadra avversaria. Noi abbiamo giocatori come Luis Alberto e Milinkovic  che possono darti il passaggio decisivo per il gol. L’importante è leggere le situazioni. Sarri ci chiede gioco veloce, con due tocchi massimo, e di raccordo con i centrocampisti per far scorrere veloce la parte. Piano piano capiremo meglio i concetti”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News