Resta in contatto

News

Guccini al CorSera: “Sarri mi ha detto chi vincerà lo scudetto. Ma io non ve lo rivelo…”

Francesco Guccini ha parlato al Corriere della Sera rivelando il contenuto della chiacchierata a tavola con Sarri pochi giorni fa.

Il cantautore emiliano Francesco Guccini ha rivelato al Corriere della Sera di cosa abbiano parlato pochi giorni fa a cena lui e Maurizio Sarri.

“Lui mi ha fatto delle previsioni su chi vincerà il prossimo campionato, ma non lo rivelerò nemmeno sotto tortura”

Si sono conosciuti proprio quella sera, al tavolo con il giornalista Marino Bartoletti, e si sono anche scambiati il numero di telefono.

Mi ha fatto piacere conoscere Sarri, è una persona in gamba, abbiamo parlato del più e del meno. Io l’ho incontrato molto volentieri e mi è parso simpatico, allegro, si è sciolto presto. Io non sono particolarmente orso, specie con gli amici. Sarri mi ha detto che apprezza le mie canzoni, che le ascolta ancora adesso. In passato è venuto a un mio concerto… così, tutto normale. C’era reciproca simpatia. Gli ho fatto una domanda su Ronaldo per capire che fine farà. Il calcio lo seguo abbastanza, di più ora che c’è la Nazionale.

Penso che gli allenatori siano persone curiose, è un mestiere un po’ strano. Da un lato redditizio, dall’altro pieno di incognite. Se la squadra funziona ci sono onori e gloria, se non funziona si viene cacciati immediatamente. Mi ha sempre sbalordito la facilità con cui un allenatore appena estromesso trovi subito un’altra squadra. Loro come i professori? Ah, può essere che abbiano qualcosa in comune le cose, però non so, io ho solo insegnato. Con Sarri ci siamo scambiati i numeri di telefono. Non abbiamo cantato insieme, ho completamente abbandonato la musica, non canto più, non suono più la chitarra e nemmeno ascolto niente. Ora sono scrittore a tempo pieno. Il motivo? Probabilmente non sono più capace di scrivere canzoni. Ho smesso. Se è più facile vedermi dare un calcio a un pallone? Per l’amor di Dio: ho 81 anni, cascherei per terra!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News