Resta in contatto

Giulio Cardone

Sassuolo – Lazio, le Cardopagelle: Muriqi divora-gol, salvo Lazzari

Sassuolo – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Strakosha 6

Quando prendi un gol da mille metri, non puoi essere esente da colpe. Si riscatta nel finale con due miracoli su Caputo.

Marusic 6

Voglio rivederlo spingere sulla fascia, punto. Ha tante offerte dopo una stagione super, temo possa essere uno dei candidati alla cessione per fare cassa.

Parolo 6-

Fuori ruolo anche lui, una mezzala che retrocede a libero. Commette il falletto da rigorino, dopo una gara disciplinata con buoni lanci. Nonostante l’età, io uno come Marco in rosa lo vorrei sempre.

Radu 6+

Ha ancora la forza di essere il migliore della difesa e di creare due palle-gol con lanci perfetti: le sprecano Muriqi prima e il suo amico Lulic poi. Deve restare.

Lazzari 6.5

Fa espellere il suo diretto avversario, come quella serata all’Olimpico col Bruges. Poi si guadagna il solito rigore che non gli concedono perché è “leggerino”: anche basta con questa storia, eh. Il migliore del pessimo finale di stagione.

Akpa Akpro 4.5

Impreciso, confusionario, irriconoscibile rispetto al giocatore dei primi mesi. Corre e basta, non va bene.

Leiva 6-

Suo l’inutile fallo da cui nasce la punizione dell’1-0. Poi però prende per mano la squadra quando la Biancoceleste fa la partita e spreca più volte l’occasione dell’1-1. Non è più Mezzasquadra, ma lo amo lo stesso. Non vorrei che la Lazio ci rinunciasse, anche se con un impiego part-time.

Cataldi 4.5

Sbaglia scelte e partita. Attenuante: non giocava trequartista da una vita.

Lulic 5

Ultima partita con la Lazio, sulla linea delle altre di quest’anno a parte quella contro il Milan. Però il voto ai 10 anni di Lazio resta 10. Eroe per sempre, nonostante il finale malinconico.

Muriqi 4.5

Buon lavoro per la squadra, ma un centravanti non può sbagliare quelle tre occasionissime. Molto deluso, tanto più che il suo contributo al collettivo è decisamente migliorato. Ma deve fare gol, invece li divora goffamente.

Correa S.V.

 

Fares  5.5

Un po’ meglio come intraprendenza e al cross, però rischia un rigore per un assurdo controllo con il braccio.

Bertini S.V.

 

Escalante S.V.

 

raul-moro-spagna

Raul Moro  SV

 

Armini S.V.

 

Inzaghi 5.5

Con una squadra ridotta così, difficile fare meglio. Dopo la partita, prime parole polemiche nei confronti di Lotito in 5 anni. Forse ha capito che il presidente ha intenzione di cambiare. Io invece non ho cambiato idea: Simone resta il tecnico giusto per la Lazio. Aspettiamo il verdetto sulla panchina, ormai manca poco: in ballo Gattuso, Conceicao, Sarri e Mihajlovic. Intanto ricordo che ha portato la squadra in Europa per il quinto anno su cinque, e nella stagione più difficile per mille motivi. Un abbraccio forte, Simone!

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Giulio Cardone