Resta in contatto

Giulio Cardone

Roma – Lazio, le Cardopagelle: salvo solo Lazzari. Toque, che errore!

Roma – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Reina 5,5

Mi resta l’impressione che sul secondo gol – il classico, prevedibilissimo tiro a giro di Pedro da lontano – potesse fare di più. Avrei confermato Strakosha, perfetto contro il Parma.

Marusic 5,5

Non riesce ad aiutare Acerbi, in evidente difficoltà contro Dzeko. Ma è il meno colpevole tra i difensori.

Acerbi 4

Serataccia per il Leone, forse condizionato dal calcione ricevuto in apertura da Bruno Peres (da espulsione). Straperde il duello con Dzeko e nel finale viene espulso per doppia ammonizione. Può capitare anche al nostro robot di sbagliare una partita, ma questa pesa di più.

Radu 5

Come spesso gli capita, soffre da pazzi il derby. Si vede subito, con un passaggio indietro sballato che regala un corner a Essi. E si perde l’avversario diretto nel gol dell’1-0: in quel tipo di azione, gli capita troppe volte.

Lazzari 6+

L’unico da salvare in questa serata da dimenticare. Fa ammonire prima Bruno Peres e poi Santon, spinge sempre sull’acceleratore e salva perfino un gol fatto nella ripresa. Caramelle per lui, carbone per gli altri.

Milinkovic 5+

L’uomo mascherato fa qualche bella giocata – soprattutto l’assist non concretizzato da Luis Alberto – ma mi fa arrabbiare tanto quando divora quell’occasione pazzesca, su lancio-luce di Luis Alberto: perché tentare il pallonetto, perché? Bastava un tocco più semplice e saremmo passati in vantaggio, avremmo vinto il derby. Errore letale. Con attenuanti, chiaro.

Leiva 5+

Pellegrini non gli crea grandi problemi, ma in fase di impostazione contributo minimo. Mi aspettavo guidasse la reazione della squadra nella ripresa, invece l’assenza di Correa è come se avesse depresso tutti. Mezzasquadra compreso.

Luis Alberto 4,5

Splendido l’assist per Milinkovic, d’accordo. Ma spreca due palle-gol incredibili, in particolare la seconda, su assist di Sergej. Mi aspettavo il suo classico, precisissimo tiro a giro, invece colpisce centralmente e fa fare bella figura a questo Fuzato che stasera sembrava Donnarumma (quando Gigio non esce a vuoto, eh). Gara con il Milan a parte, il Toque dall’infortunio alla caviglia non è stato più lo stesso. E ci è mancato terribilmente.

Lulic 5+

L’eroe del 26 maggio meritava di chiudere i suoi meravigliosi 10 anni alla Lazio in modo diverso. In forma precaria, non è riuscito a dare l’apporto necessario sulla sua fascia. Ha giocato da Lulic solo contro il Milan, per il resto tanta, tanta fatica.

Muriqi 5

Già nei primi secondi manca un aggancio che lo avrebbe messo davanti alla porta. Poi si batte come sempre, ma non tira mai e viene agevolmente marcato da Mancini. Schiacciato per tutto l’anno dal peso del prezzo che è stato pagato, come se ne fosse responsabile. E la mancanza di fiducia – io credo – ne peggiora le prestazioni. Non può essere questo, non può.

Immobile 6

È il più penalizzato dall’assenza di Correa. Con Muriqi intesa precaria e altro modo di (non) giocare. L’occasione migliore è un tacco alla Mancini, ma il gol sarebbe stato annullato perché Ciro era in fuorigioco. Inconsolabile quando si guarda intorno e si accorge che la luce è spenta: al buio, impossibile segnare anche per un fuoriclasse del gol come lui.

Pereira  5

Un assist in scivolata per Immobile, per il resto tentativi non riusciti di dribbling – è un solista, si è capito – e un tiro dalla distanza finito alto. Leggerissimo, Inzaghi gli ha preferito Muriqi dall’inizio per la fisicità.

Luiz Felipe 5

Si vede che gli manca l’abitudine alla partita: per esempio non aggredisce nel modo giusto Pedro quando lo spagnolo prepara il tiro vincente. In rodaggio, ma la stagione è finita

Fares 5

Terzino sinistro della difesa a 4, prova il tiro da fuori e non inquadra la porta. Anonimo come tutta la sua stagione. Una delusione.

Akpa Akpro s.v

Caicedo s.v. 

Inzaghi  5

Inevitabile la bocciatura quando perdi così un derby. La sua Lazio non sa approfittare di una Roma mediocre e concede il bis – non richiesto – della pessima serata di Firenze: fallisce la palla-gol dell’1-0 e poi perde 2-0, con una rete per tempo. Anche dopo una sconfitta così, io penso che Simone debba restare e aprire un nuovo ciclo con la Lazio: si parla di Gattuso e Sarri, Lotito sogna addirittura Allegri, ma nessuno conosce il mondo biancoceleste come Simone. Si può ripartire insieme, l’importante è sciogliere i troppi nodi – dal mercato alle scelte di formazione – che hanno soffocato la stagione della Lazio. E comunque, ha centrato l’Europa per il quinto campionato su cinque.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Il fallimento estivo del mercato estivo

ANTONIO
ANTONIO
1 mese fa

Il vero derby che abbiamo perso non è quello giocato ieri ma quello ben più importante del futuro. Loro hanno aspettative e guarda no avanti noi non sappiamo niente di quello che ci aspetta e non vediamo alcuna prospettiva.

ANTONIO
ANTONIO
1 mese fa

Lazio da rifondare a tutti i livelli. Un vero direttore sportivo un programma serio e sostenibile un allenatore motivato e in sintonia con la direzione, un presidente che se ne interessi e non si disperda in mille attività preso da ambizione smisurata e un centro sportivo che cessi di essere un centro di accoglienza per scappati di casa in cerca di un ingaggio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

…………………A LAZIA’

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non condivido i giudizi su Acerbi che per me è in affanno da un anno e Sergej che per me è stato il migliore dei nostri.
Su Inzaghi: se fa questi tira e molla che poi non portano a nulla sul mercato a che serve? Perchè se si impunta e arrivano Lazzari, Vavro, Jony, Adekanye, Hoedt, Fares, Muriqi, Escalante, Akpa…
Io credo che sia necessario interrogarsi sul futuro di tutti, DS compreso.
Sarri Allenatore;
Carnevali AD;
Accardi (o Foggia) DS.

Ruggero
Ruggero
1 mese fa

Inspiegabile, senza voglia e senza cattiveria, quando sono più forti loro ci massacrano, noi facciamo risorgere i morti.
Unici salvabili milinkovic e Immobile.
Hanno affrontato il derby come un amichevole VERGOGNA
Tanto a loro che je frega, chi prendono in giro siamo noi…..

Fabrix
Fabrix
1 mese fa

Luis Felipe lo avrei lasciato fuori. Cmq Inzaghi non ci sta capendo più nulla. Le colpe sono sue e dei giocatori

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe Signori, per me 'Ronaldo bianco', è stato uno dei più grandi giocatori biancocelesti della storia; L'unica sfortuna di questo ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Grande, antiromanista, unico"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Giulio Cardone