Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi: “Presi due tiri in tutta la partita. Futuro? Parlerò con Lotito”

Lazio, le parole del tecnico nel post partita

La Lazio cade nel derby e saluta aritmeticamente il sogno Champions League. A fine gara il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha parlato così a Dazn.

“Primo tempo abbiamo giocato meglio, ma non siamo stati capaci a sfruttare le occasioni. I tabellini parlano chiaro: hanno fatto due tiri in porta e due gol, meglio di noi all’andata.

La Champions League è tramontato già a Firenze. C’è rammarico per aver perso il derby. La squadra non meritava di andare a riposo sotto. Dobbiamo analizzare la gara.

Correa ha provato questa mattina, ma ha avuto un dolore prima della gara contro il Parma. Caicedo ha giocato con un antidolorifico.

Sapevo che la Roma avrebbe giocato così, però dobbiamo recriminare sulle nostre occasioni non sfruttate. Milinkovic ha giocato con un tampone nel naso. Perdendo lui e Correa perdiamo tanto.

Faccio i complimenti alla Roma, anche se per la classifica non contava nulla. La Lazio ha il dovere di crescere e in questi cinque anni siamo cresciuti. Contro abbiamo squadra attrezzate e noi pensiamo a dare continuità entrando in Europa.

Futuro? Sono ottimista per natura, ci incontreremo con il presidente e Tare e poi vedremo”.

 

QUESTE LE PAROLE A LSR

“Abbiamo avuto due clamorose occasioni con Luis e Milinkovic, poi anche Ciro, complimenti a Fuzato. La squadra si è trovata sotto 1-0 e non ha saputo reagire nella ripresa. La squadra ha probabilmente perso un po’ di tranquillità, il derby è una partita speciale, in gare così ci vogliono degli episodi ma noi non li abbiamo avuti. Futuro? Abbiamo due gare adesso contro squadre che si giocano degli obiettivi e noi dobbiamo dare il massimo per chiudere comunque bene. Buon primo tempo, male la ripresa, abbiamo preso due tiri in porta, loro sono stati chirurgici e noi no. Ci sono state occasioni clamorose che avremmo dovuto sfruttare, dovevamo fare meglio. Faccio i complimenti alla Roma, più bravi di noi”.

 

44 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
44 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News